Spesso, scorrendo determinata stampa, il lettore viene preso dallo sconforto. Ciò avviene particolarmente nel settore turistico, perchè questo pare l’interpretazione negativa del “tutto va ben, madama la marchesa”.

Crollo di presenze, orizzonte nero come la pece, il turismo italiano in fase di profonda crisi, eccetera. Il bello è, che ciò contrasta con quanto asseriscono i pubblicitari, per i quali il futuro è sempre decisamente rosa.
Ma allora, chi ha ragione? Probabilmente nessuno dei due.
Cominciamo dai pubblicitari. Loro devono per forza apparire ottimisti, altrimenti il loro messaggio perderebbe qualsiasi valore.
La Stampa invece, particolarmente quella di settore, probabilmente reagisce per inerzia (veniamo da un periodo di recessione planetaria, che ovviamente ha colpito maggiormente i settori secondari) oppure perché valutando con poca attenzione la situazione reale, è portata a continuare il pianto greco sull’avvenire del turismo italiano.
Ma è veramente così? Vediamo la situazione.
Questa estate la Banca d’Italia (quindi un Ente in grado di parlare di cifre) ha comunicato che i turisti stranieri nel solo mese di giugno 2010 hanno speso in Italia il 9,3% in più rispetto allo stesso mese del 2009, con un saldo attivo del settore turistico di 1.387 milioni di euro, rispetto ai 1.286 del giugno 2009 e che nel primo semestre 2010 i turisti stranieri hanno speso in Italia 13.040 milioni di euro (+ 5,3%) contro gli 8.839 milioni di euro spesi da turisti italiani all’estero.
Allora, dove è la crisi?
A noi sembrano buoni sintomi di ripresa, derivanti anche dal ritorno della presenza del Ministero del Turismo nella politica nazionale.
Non vi sono dubbi che non sia il caso di abbassare la guardia, ma è necessario sfruttare la circostanza favorevole attuando tutte le misure idonee a implementare le condizioni che hanno favorito il turismo.
Nel dopoguerra siamo passati in Europa dal 1° al 3° posto. Ora stiamo risalendo; per piacere, non facciamoci del male per masochismo!

Roberto, Umberto e Luciana Granati

Redazione.edivega@libero.it
Takinokan@alice.it

Categories: Viaggi e turismo