Di seguito, qualche dato riferito al turismo nazionale.
La situazione del turismo italiano alla fine del 1° decennio del secolo è:
– Circa 2 milioni di occupati nel settore turistico;
– circa il 12% del P.I.L. (20% con l’indotto);
– 5° posto mondiale (3° in Europa) relativo agli afflussi turistici;
– attualmente in fase di lenta ripresa.
Esame delle cause della debolezza del turismo italiano ( passato dal 1° posto in Europa nel dopoguerra, all’attuale 3° posto):
– prezzi superiori alla concorrenza;
– strade insufficienti a ricevere il traffico turistico;
– scarsa chiarezza nelle tariffe di molti esercizi;
– caos normativo tra i vari Enti (almeno fino a ora);
– scarsa conoscenza di molti operatori delle lingue straniere;
– troppa differenza tra la pubblicità e la realtà.
Periodi di afflusso turistico (dati riferiti ai cittadini italiani rilevati negli anni 2004, 2005 e 2006, per un totale di 2.144 intervistati). Sono orientati a programmare le vacanze in unico periodo, il:
– 44,7% in agosto;
– 17,2% in luglio;
– 10,9% in settembre;
– 10,8% in giugno.
Il restante 16,4% ha dichiarato di “spalmare” le vacanze in più periodi.
Domanda “Dove preferite trascorre le vacanze”. Risposte:
– 72,3% sono orientati a trascorrerle sul territorio nazionale;
– 12,9% sono orientati a trascorrerle all’estero;
– 14,8% sono incerti o indifferenti.

N.B. Indagine effettuata a campione relativa a 57 milioni di Italiani – 22 milioni di lavoratori attivi (di cui 9 milioni benestanti);
– 23 milioni di pensionati, invalidi, casalinghi;
– 12 milioni di ragazzi o disoccupati.

Roberto, Umberto e Luciana Granati

Redazione.edivega@libero.it
Takinokan@alice.it

Categories: Viaggi e turismo