a palazzo marino e in accademia di brera a milano

Da mercoledì 6 aprile a venerdì 8 aprile 2022, sotto la direzione artistica del critico d’arte Marco Eugenio Di Giandomenico,Ethicando Association e ARD&NT Institute (Accademia di Belle Arti di Brera e Politecnico di Milano), in collaborazione con il Comune di Milano, hanno organizzato con grande successo alcuni eventi a Milano, che hanno avuto come protagonista l’arte del veroneseArvedo Arvedi e quella dell’americanoJohn David Mooney, l’una figlia dell’altra, tra loro collegate dal leitmotiv della sostenibilità.
Mercoledì 6 aprile e giovedì 7 aprile 2022, presso la Sala Alessi e la Sala degli Arazzi di Palazzo Marino, in piazza della Scala n. 2 a Milano, sono state esposte N. 20 opere dell’artista veronese Arvedo Arvedi e si è svolto un convegno internazionale dal titolo ARTE SOSTENIBILE, nel cui ambito è stato presentato il libro dal titolo ARTE SOSTENIBILE. TRANSMEDIALITA’ DELL’ARTISTA ARVEDO ARVEDI, edito da Silvana Editoriale (2022) e curato da Marco Eugenio Di Giandomenico, con vari interventi di esperti d’arte (Massimiliano Marafon Pecoraro, Raffaella Salato, Diana Alessandrini, Riccardo Maria Braglia) e un’intervista aJohn David Mooney.
Venerdì 8 aprile 2022, John David Mooney e Arvedo Arvedihanno tenuto una lectio magistralis presso la Sala Napoleonica dell’Accademia di Belle Arti di Brera,diretta dai docenti Domenico Nicolamarino e Marco Eugenio Di Giandomenico,con la partecipazione in presenza e online degli studenti di alcuni corsi dell’accademia, e con l’intervento di varie personalità della cultura.
L’evento, nelle sue variegate declinazioni (espositive, didattiche, scientifiche, artistiche, etc.), ha avuto come fil rouge l’analisi di alcuni aspetti della sostenibilità dell’arte, argomento per sua natura multidisciplinare esplorato da illustri accademici ed esperti. In particolare, sono state indagate le nuove modalità espressive delle arti in chiave sostenibile nell’era delle nuove tecnologie, sia in termini di bridging (ponti) tra i diversi linguaggi creativi, sia in termini valoriali, vale a dire in termini di capacità dell’opera d’arte di farsi portavoce di un messaggio sociale e/o di promozione artistico-culturale sostenibile con ricadute positive sulla collettività e su tutti gli stakeholder coinvolti.
La produzione artistica di Arvedo Arvedi, “discepolo” dell’artista ambientale americano John David Mooney, entrambi presenti all’evento, è stata selezionata, anche in termini retrospettivi, come case historydelle più attuali tendenze transmediali sostenibili dell’arte contemporanea.
Sulla tematica sono intervenuti all’evento, tra gli altri, oltre al curatore artistico Marco Eugenio Di Giandomenico, Filippo Barberis, Consigliere Comune di Milano, Roberto Favaro, musicologo e già vice direttore dell’Accademia di Brera, nonché direttore del master SOUNDART dell’ARD&NT Institute, Robert Allegrini, Presidente del NIAF (National Italian American Foundation) di Washington, D.C. (USA), Domenico Nicolamarino (docente all’Accademia di Belle Arti di Brera di Milano), Riccardo Maria Braglia (critico d’arte), Massimiliano Marafon Pecoraro (storico dell’arte), Marzio Dallagiovanna (Vice Presidente e Tesoriere del Comitato Esecutivo del Segretariato Permanente del World Summit of Nobel Peace Laureates), Annaluce Licheri (Presidente Associazione Italia In Testa), Franco Scepi (Responsabile Arte e Cultura della Fondazione Gorbachev),oltre a varie personalità dell’arte e della cultura.
L’evento, che ha goduto delle emozionanti performance musicali del M°Matteo Bensi (voce solista e fisarmonica) e del M° Attilio Rubba (pianoforte) in omaggio a Ennio Morricone e alla musica italiana famosa nel mondo,è stato supportato mediaticamente dalla piattaforma di comunicazione internazionale Betting On Italy (BOI), la quale promuove iniziative culturali e artistiche su temi di valorizzazione e promozione del made in Italy nel mondo.
Si ringraziano Carmela e Rebecca Nicolamarino per il contributo di interpretariato, Elisabetta Migliorini per i servizi fotografici, Paco Palmariggi per il dressing style di alcune personalità intervenute, Eby Elena Toffoloni per i social media, Andrea Baldini per i promo video.