Blu come il colore del cielo, del mare, dell’infinito, come infinita è la fantasia, come fantastici sono i Puffi, i celebri personaggi turchesi inventati alla fine degli anni Cinquanta dal disegnatore Peyo.
Scherzando con un amico, Peyo disse: “Passe-moi le…schtroumpf”, ovvero il “puffo”, mentre avrebbe dovuto dire: “Pass-moi le salière”, la saliera.
Fu così che da una battuta nacquero i Puffi, piccoli grandi protagonisti di un mondo unico, con casupole a forma di fungo immerse nella natura, laboriosi e felici, capaci di mettere il sorriso sui visi dei loro spettatori preferiti: i bambini e non solo, anche gli adulti rimasti fanciulli nel cuore.
Per chi pensa che sono cartoni animati destinati ad essere messi da parte dai nuovi supereroi c’è una sorpresa: i Puffi sono alle vette delle classifiche sui grandi schermi cinematografici con una pellicola in 3D ricca di effetti speciali e la Sony sta già pensando a un sequel da portare nei cinema americani il 2 agosto 2013.
“I Puffi” in live action hanno fatto il loro ingresso nelle sale italiane venerdì 16 settembre 2011 con una nuova avventura ambientata questa volta sul nostro pianeta e precisamente a New York dove approdano dopo l’ennesima fuga dal malefico nemico di sempre: Gargamella.
Terranno per un po’ compagnia a una giovane coppia con un bimbo in arrivo, mentre cercheranno in ogni modo di tornare nella loro magica terra.
I simpatici omini alti poco più di tre mele porteranno un po’ di scompiglio e un po’ più di equilibrio nella frenetica ed egocentrica Grande Mela.
La lotta tra il bene e il male non è solo un conflitto per esseri umani, anche i Puffi sono sempre alle prese con il perfido mago e con Birba, il suo ironico gatto.
L’unione fa la forza e la differenza: i Puffi, guidati dalla saggezza dell’anziano Grande Puffo, ancora una volta ci insegnano che la collaborazione e l’armonia sono il vero potere per vincere e affrontare con successo anche le battaglie più ardue della vita.
Un film da vedere per divertirsi e tornare nella realtà migliori!

Diana Maria Elena Fusco

Categories: Attualità