Il 24 settembre 2011, nel prestigioso Palazzo Cusani di Milano, nel grande e sfarzoso salone Radetzky, alla presenza delle più alte personalità del Mondo Militare e Civile, si è ufficialmente inaugurata l’Associazione “Amici di Palazzo Cusani e, contemporaneamente, sono stati celebrati i 150 anni dell’Unità d’Italia.

L’Associazione “Amici di Palazzo Cusani”, è un’Associazione Culturale giovane è un sodalizio di persone di eterogenea estrazione sociale, basato sulla stima e l’amicizia. A unanimità, è stato eletto il primo Presidente dell’Associazione nella persona del Generale Giovanni Fantasia, e come Presidente Onorario il Generale Camillo de Milato, Comandante Militare Esercito Lombardia. Sono ambedue persone di grande cultura, ampie vedute, integerrimi e, soprattutto, di grande umanità, pronti a mettersi continuamente in discussione, a cogliere le istanze della società in continua evoluzione che sta sempre alla ricerca di spazi per sperimentare nuovi modi d’espressione.

Come d’uopo, in queste particolari occasioni, per festeggiare degnamente sia l’inaugurazione dell’Associazione, sia i 150 anni dell’Unità d’Italia, l’evento è iniziato con le commoventi note dell’Inno di Mameli, che hanno risuonato nella stupenda sala Radetzky. Per manifestare il riconoscimento dell’identità unitaria della Nazione e per dimostrare l’amore per la Patria, i presenti hanno partecipato al canto con rispetto, concentrazione e partecipazione.

Il Generale di Brigata Camillo de Milato, Comandante Militare Esercito Lombardia, ha aperto formalmente la conferenza dando il benvenuto a un folto pubblico, ricordando, con un minuto di silenzio, i soldati caduti per la libertà. Il Generale, anche in quest’occasione, ha tenuto a ricordare l’Alpino Luca Barisonzi, gravemente ferito in Afganistan, il quale è tuttora ricoverato presso l’Ospedale Niguarda di Milano, paralizzato dalla testa in giù. Il Generale ha rilanciato un ulteriore e appassionato messaggio alle varie associazioni e politici, esortando tutti a prendersi cura di Luca Barisonzi e di stare vicino alla sua famiglia che ha un estremo bisogno di sostegno materiale e morale.

“Questo anniversario – ha affermato il Generale – rappresenta una data davvero importante per la storia italiana. I nostri soldati hanno pagato un pesante tributo di sangue per raggiungere l’obiettivo dell’Unità d’Italia. Oggi, quindi, nel celebrare la Storia Risorgimentale, ognuno di noi si deve sentire consolidato alle proprie radici rivolte verso un’Italia unitaria e solidale. Inoltre, mi preme aggiungere – ha proseguito il Generale – che oggi nasce l’Associazione AMICI DI PALAZZO CUSANI all’insegna della divulgazione della cultura e dell’arte”. Poi, con immensa soddisfazione, ha presentato il Generale Giovanni Fantasia e la Dottoressa Claudia Buccellati, rispettivamente Presidente e Vice Presidente dell’Associazione.

Il Generale Giovanni Fantasia, quindi, è il primo Presidente dell’Associazione “Amici di Palazzo Cusani”.

Dopo i convenevoli per l’iniziativa, al Presidente gli sono state rivolte alcune domande alle quali ha così risposto:

Presidente, ci può parlare dell’Associazione, da chi è stata voluta, quando e perché è nata?
“Oggi 24 settembre 2011, è formalmente presentata al pubblico l’Associazione di Palazzo Cusani, ma la stessa è stata costituita lo scorso 24 giugno. E’ stata fortemente voluta dal Generale Camillo de Milato, Comandante Militare Esercito Lombardia, Presidente Onorario nonché Socio e che ha saputo cogliere il desiderio anche di tutti i soci fondatori, compreso il sottoscritto, e da altri che ci affiancano. Per prima cosa abbiamo preso a cuore il problema della salvaguardia dell’immenso patrimonio artistico e architettonico di Palazzo Cusani in quanto, per noi, è come una creatura che ha bisogno di essere amata e curata”.

Vuol dire che Palazzo Cusani è come una persona malata bisognosa di amore e terapie?
“Proprio ammalata non direi ma è un palazzo storico di grande valore con ambienti e affreschi prestigiosi che comincia a risentire del peso dei suoi oltre tre secoli di storia. Da tempo ha avuto bisogno di particolari cure e l’Associazione si pone l’obiettivo di proteggere la sua vita che, ora più che mai, anche a seguito dell’inquinamento, risulta più fragile, bisogna, pertanto, aiutarla con appropriati restauri”.

Qual è il fine primario dell’Associazione?
“Naturalmente è quello di divenire l’Ente che si prenderà cura del mantenimento, restauro, valorizzazione e tutela del patrimonio artistico del Palazzo per donare ai cittadini milanesi, nella sua integra bellezza, l’architettura originaria di uno dei palazzi più belli, sito nella famosa zona Brera del centro storico della città di Milano”.

Vi occuperete solo di valorizzare e sostenere il patrimonio storico, culturale e artistico di Palazzo Cusani?
“Non solo. Come in quasi tutte le Associazioni, si lavora anche su più fronti. Abbiamo l’intento di svolgere attività di supporto al Circolo di Presidio dell’Esercito di Milano ed alle sue strutture; svolgere attività a carattere socio-culturale, sportiva, scientifica e di solidarietà sociale; proporci come punto di incontro e di aggregazione nel nome di interessi culturali specifici, assolvendo alla funzione sociale di maturazione e crescita umana e civile attraverso precisi valori di riferimento, ispirati a principi di pari opportunità tra uomini e donne, rispettosi dei diritti inviolabili della persona. Inoltre, vogliamo agire come gruppo di collegamento costante tra mondo militare e società civile, quale vitale sinergia per una funzionalità di scambio di servizi, reciproca collaborazione, vicendevole supporto. Vogliamo anche costituire un nuovo centro culturale e di volontariato che, naturalmente, avrà come punto di riferimento Palazzo Cusani, già luogo di importanti eventi istituzionali, sociali, culturali e che ha avuto un ruolo importante nella storia della città”.

In un periodo in cui spesso ci accusano di essere totalmente disinteressati all’attivismo in qualsiasi campo, cosa vi spinge a essere attivi in prima persona per salvare un Palazzo e per fare comunicazione?
“Il disinteresse della gente, purtroppo, è molto diffuso, ormai anche a causa del difficile momento economico e finanziario che stiamo attraversando, sembra che tutti abbiano paura di mettersi in gioco ma, il nostro ottimismo è tale che siamo sicuri che la gente non rimarrà insensibile al fatto che Palazzo Cusani, uno dei palazzi più importanti degli ultimi tre secoli, che ci racconta una parte della nostra storia, possa deteriorarsi”.

Vedo che l’Associazione è formata da tante persone di grande valore e, queste, potrebbero dare tanto al territorio?
“Sicuramente, ognuno per la sua specificità darà un considerevole contributo nel proprio campo di attività professionale o sociale. Oltre ai già menzionati soci fondatori Buccellati, de Milato e me stesso desidero citare anche gli altri nove, Donata Berger, Michela Ferrari, Marilena Ganci, Thomas Parma, Tiziana Perfetti, Claudio Procaccini, Principia Bruna Rosco, M. Gabriella Rossi e Carmelo Tribunale. Inoltre, in pochi giorni di vita abbiamo avuto l’adesione di quasi 100 tra i più bei nomi di Milano la cui provenienza spazia dal mondo della cultura a quello dell’arte, dal mondo accademico a quello imprenditoriale, finanziario, della medicina ad altissimo livello a quello della formazione e, naturalmente, anche militare, considerando che il palazzo è sede del Circolo Unificato del Presidio Esercito e del Comando Militare Esercito Lombardia.”.

Le iscrizioni sono aperte, ma se qualcuno si iscrive oggi, fino a quando ha validità questa tessera?
“Ha la validità di un anno, cioè, fino al 31.12.2012”.

Scusi Presidente, a quanto ammonta la quota d’iscrizione?
“Le quote sono così suddivise:
– Socio Ordinario (con badge): 50 euro;
– Socio Sostenitore (con badge): 100 euro;
– Socio Platino (con badge e attestato): da 200 euro.
Il versamento delle quote può essere eseguito presso UNICREDIT Milano S. Babila,
Beneficiario: Amici di Palazzo Cusani – via Durini, 4 – 20122 Milano
IBAN: IT 26 J 02008 01618 000101586 800,
indicando nella causale: nome, cognome e indirizzo/e-mail del Socio”.

Qual è l’impegno dell’Associazione?
“Certamente l’impegno e le speranze che animano i soci sono di far partecipi tutti della realtà di Palazzo Cusani, di quanti vorranno contribuire anche con un po’ del loro tempo a trovare risorse da impiegare. La nostra è un Associazione di interesse prevalentemente culturale ma questa è solo una parte della nostra sfera d’azione; il nostro intendimento è anche quello di operare in sinergia con altre associazioni attive nel campo della solidarietà sociale, creando una formidabile squadra di associati finalizzati al bene in senso lato”.

Signor Presidente, ci sono già in cantiere dei progetti?
“Ne abbiamo in mente tanti, che negli anni porteremo avanti, finalizzati soprattutto alla tutela del patrimonio artistico del palazzo”.

In una realtà come questa, il Presidente quali doti deve avere e se conta la capacità manageriale?
“Sì. La capacità manageriale è importante. Un Presidente deve saper gestire le figure che collaborano. Tuttavia, conto moltissimo sulla collaborazione di molti soci che provengono dall’imprenditoria. Nella considerazione che le risorse saranno sempre insufficienti per far fronte alle numerose e costose opere di conservazione, tutela, riqualificazione e restauro di un patrimonio artistico imponente come quello del palazzo, è importante puntare su una corretta gestione, impegnandosi sul piano dell’efficienza e della qualità e, quindi su un uso efficace di tali risorse. Sono conoscenze che il mondo imprenditoriale può efficacemente trasmettere a quello pubblico talvolta paralizzato da logiche burocratiche fuorvianti”.

Che tipo di formazione ha ricevuto?
“Sono un Ufficiale da alcuni mesi in congedo per raggiunti limiti di età, dopo 40 anni di servizio attivo nell’Esercito. Ho frequentato l’Accademia Militare di Modena e la Scuola di Guerra di Civitavecchia, conseguito la laurea in Scienze Strategiche e il Master di secondo livello. Ho esercitato attività di comando nei vari gradi a tutti i livelli fino a quello di Brigata, in territorio nazionale e in Operazioni all’estero, e quella di Stato Maggiore nei settori Operazioni, Logistica e Personale. Ho lasciato il servizio con il grado di Generale di Divisione”.

Signor Presidente, nel mondo di oggi sembra che le associazioni siano l’unica maniera per risolvere vari problemi, sia legati alla beneficienza sia al recupero dell’arte, è vero?
“Le associazioni hanno il compito di operare per il reciproco rapporto: interagire correttamente ed efficacemente con le Istituzioni in modo da operare per il progetto prefisso. Nel campo dell’arte e della cultura il concetto di sussidiarietà è fondamentale. Basti pensare che l’Italia è veramente il luogo dove si accentra il più ricco patrimonio d’arte del mondo. Si tratta di oltre mille comuni che ospitano al minimo un castello, un palazzo di valore o un sito archeologico, oltre tremila musei con oltre quaranta milioni di pezzi d’arte. L’intervento pubblico che, peraltro, deve sovvenzionare anche gli spettacoli teatrali e lirici, è allo stesso livello percentuale degli altri Paesi Europei ma l’Italia possiede un patrimonio artistico enormemente più ricco degli altri Paesi e, di conseguenza, oneri di conservazione ben più elevati”.

Oltre alla quota associativa, vi aspettate qualche donazione da parte di qualcuno che tiene alla conservazione dei beni culturali. “Sicuramente sarebbe un toccasana avere qualche donazione, in questo campo abbiamo già sperimentato la generosità di alcune associazioni e clubs esclusivi, particolarmente attivi a services nel sociale. Solo per citarne alcuni finora, il Centro Incontri Rotariani, alcuni LIONS Club, lo ZONTA International Milano e il Corpo Consolare di Milano. Inoltre, come milanesi, siamo anche coinvolti a fare sinergia con altre associazioni finalizzate ad attività di beneficenza e di interventi nelle politiche sociali. Per esempio collaboriamo con Fondazione Donna a Milano ONLUS, AIDDA (Associazione Imprenditrici e Donne Dirigenti d’Azienda), l’Associazione Rose Camune e altre i cui contatti sono ancora in corso”

Per festeggiare tale occasione, è intervenuta, a titolo totalmente gratuito, l’Orchestra Mandolinistica “EUTERPE” che ha deliziato i presenti con musiche di vari grandi autori come Gioacchino Rossini e con quelle che più squisitamente si collegano allo strumento del mandolino. E’ l’unica Orchestra a plettro nella Regione Trentino-Alto Adige, il cui Direttore è il grande Maestro Ugo Orrigo.

Sono intervenute Autorità Civili e Militari e, in particolare: l’On. Enrico PIANETTA Commissione Esteri della Camera dei Deputati; Marie-Gabrielle INEICHEN Segretario di Stato Confederazione Elvetica; l’Ambasciatore Emilio Fernandez CASTANO Decano dei Corpo Consolare Milanese e Console Generale di Spagna; Mr. Kyle SCOTT Console Generale degli USA; l’Ambasciatore Amr ABBAS Console Generale Egitto; il Signor Ivan-Dani MARSAN Console Generale Repubblica Croazia; il Dott. Bruno DAPEI Presidente del Consiglio Provinciale Milano, il Dott. Giovanni Bozzetti che ha portato il saluto del Ministro della Difesa auspicando ulteriori sviluppi dell’iniziativa in campo nazionale sotto il patrocinio del Ministero.

L’Associazione “Amici di Palazzo Cusani, quindi, è una nuova realtà milanese, creata da un gruppo di persone che amano l’arte, con l’intento di promuovere la valorizzazione, la conservazione, il recupero del patrimonio artistico-culturale di Palazzo Cusani, ma anche di aggregare la popolazione animata dalla volontà di migliorare ciò che ci circonda. L’Associazione, quindi, è aperta a tutti quelli che ne condividono gli scopi, che sono storicamente e culturalmente legati alla città di Milano; essa punta a formare una collettività che s’impegni in progetti culturali e sociali riguardanti incontri musicali, artistici e sociali. Inoltre, i Soci dovranno far conoscere l’Associazione attraverso convegni, cicli di conferenze, trasmissioni televisive e radiofoniche, attività didattiche per scuole, musei, enti pubblici e privati, pubblicazioni su giornali, riviste e tanto altro ancora. Sarà un impegno importante: la parte attiva e propositiva per la realizzazione di un obiettivo da raggiungere in coerenza con gli scopi culturali che l’Associazione intende perseguire.

Per avere informazioni in merito è in costruzione il sito www.amicidipalazzocusani.it

Principia Bruna Rosco

Categories: Attualità