Continuando nella mia ricerca di personaggi degni di essere menzionati, la mia attenzione si è posata sull’Arch. Michela Ferrari, Presidente del Club Zonta Milano Sant’Ambrogio, perciò, nell’avvicinarsi della 61° Convention Mondiale di Zonta International, che quest’anno si terrà in Italia a Torino, le ho chiesto di parlarmi della sua attività filantropica.

Quali sono stati i motivi che l’hanno indirizzata verso il Club Zonta Milano-Sant’Ambrogio?
“Sono entrata a far parte del Club perché, dopo un periodo di frequentazione degli eventi Zontiani, mi sono resa conto dell’importanza dei servizi che svolgevano su territorio locale, nazionale ed internazionale e soprattutto della certezza che realmente questi venissero portati a compimento. Inoltre mi sono subito trovata bene con i membri del Club; il nostro rapporto infatti va al di là dell’associazionismo, è un rapporto di amicizia. Per rafforzare sempre più questo sodalizio il Comitato dell’Amicizia lavora assiduamente organizzando visite e gite che vedono il gruppo unito anche al di fuori delle Assemblee”.

Quante sono le socie di questo Club e quante nel mondo?
“Il Club Zonta Milano Sant’Ambrogio attualmente è costituito da 30 Socie, mentre in tutto il mondo siamo oltre 30.000, iscritte a 1200 Club Zonta in 63 paesi e aree geografiche”.

Qual è lo scopo principale di Zonta International?
“E’ quello di migliorare la condizione della donna in tutto il mondo, dal punto di vista politico, legale, economico, sanitario, educativo e professionale e promuovere la giustizia ed il rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali”.

Si può spiegare meglio?
“Certo. Zonta International ha come obiettivi:
– effettuare servizi a livello globale e locale,
– migliorare lo stato legale, politico, economico, culturale, sanitario e professionale delle donne,
– promuovere la giustizia e il rispetto universale per i diritti umani e le libertà fondamentali,
– incoraggiare nel mondo degli affari e delle professioni un comportamento improntato ai più alti valori morali”.

E’ vero che Zonta è un’ONG con stato consultivo ed è rappresentato all’ONU fin dalla sua costituzione nel 1946?
“Si Zonta è un’ONG ed ha una rappresentanza stabile presso le sedi ONU ed insieme al Fondo delle Nazioni Unite per lo sviluppo della donna (UNIFEM) ha finanziato diversi programmi di aiuto ed addestramento in 46 paesi ”.

Dove e quando vi riunite?
“Una volta al mese presso la Società del Giardino. Gli incontri constano in Assemblea e Conviviale con relatori che intervengono su temi culturali e/o di attualità sempre di grande interesse. Alle Conviviali spesso prendono parte anche amici e ospiti delle Socie”.

Nelle Assemblee cosa discutete?
“Vengono presentati e discussi i futuri impegni e programmi del Club e vengono deliberati i Servizi Internazionali e Locali”.

Quando e come avviene la raccolta fondi?
“Due volte l’anno, in occasione del Natale e nel mese di giugno, a conclusione di ogni anno Zontiano. Il ricavato delle serate Raccolta Fondi consente di realizzare i Servizi deliberati dall’Assemblea del Club. Tali Servizi sono nella maggior parte dei casi, come stabilito dallo Statuto, destinati al miglioramento dell’istruzione e della salute delle donne e alla tutela dei loro diritti.”.

La raccolta Fondi è destinata solo a progetti dedicati alle donne?
“Principalmente, sì, ma il nostro apporto è globale, esso si poggia sulle effettive necessità che si presentano”.

Ad esempio?
“Elenco solo le ultime che ha sostenuto il club Zonta Milano-Sant’Ambrogio:
2006-2010 CONTRIBUTO a favore del Centro per l’Autismo della Cooperativa “Spazio Aperto” Servizi e, nello specifico, PER IL “PROGETTO AREA PICCOLI” PER LE ATTIVITÀ POSTE IN ESSERE
2007 CONTRIBUTO a favore del PROGETTO “PERCORSO VISITE GUIDATE TATTILI PER NON VEDENTI ALLE SCULTURE DELLA GALLERIA D’ARTE MODERNA DI VILLA BELGIOJOSO BONAPARTE “
2009 CONTRIBUTO a favore dell’associazione milanese Archè, PER IL SOSTEGNO DELLA LORO OPERA NEL CAMPO DEL RECUPERO E DELLA PREVENZIONE DI MINORI IN SITUAZIONE DI SOFFERENZA E DI TOSSICODIPENDENZA FAMILIARE
2010 CONTRIBUTO AL PROGETTO SORRISO NEL MONDO – ONLUS, associazione internazionale fondata da volontari medici e paramedici italiani PER IL TRATTAMENTO E LA CURA DELLE MALFORMAZIONI E DEFORMITÀ CRANIO-FACCIALI NEI PAESI IN VIA DI SVILUPPO (BANGLADESH, CONGO, BURUNDI, GUATEMALA)
2009 CONTRIBUTO a favore dell’Ente Morale “Accademia dell’immagine”, PER LA RICOSTRUZIONE DELLA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE PER CINEMA, AUDIOVISIVI E NUOVI MEDIA, nell’ambito degli interventi in favore della città dell’Aquila dopo il terremoto del 6 aprile 2009
2010-2011 RESTAURO DI UNA SALA DEL CIRCOLO DI PRESIDIO DI PALAZZO CUSANI
2011 CONTRIBUTO a favore della cooperativa A.l.a.t.Ha PER IL SOSTEGNO DELLA LORO OPERA ASSISTENZA NEI CONFRONTI DELLE PERSONE DISABILI

Quali sono i nuovi impegni?
“Abbiamo un ricco calendario di incontri, chi fosse interessato alle nostre attività può leggerle sul nostro sito www.milanosantambrogio.eu”.

I Clubs Zonta International da chi è costituito?
“E’ un’organizzazione di servizio costituita da donne preminenti negli affari e nelle professioni che mettono a disposizione la loro professionalità, le loro capacità e conoscenze per perseguire gli obiettivi Zontiani”.

Qual è stato il motivo che ha spinto il suo Club Zonta Sant’Ambrogio a provvedere ai restauri di Palazzo Cusani?
“Io e le mie consociate abbiamo molto a cuore questo grandioso Palazzo che dal 2004 mette a disposizione del nostro Club le sue prestigiose stanze permettendoci di realizzare importanti serate raccolta fondi a favore dei nostri service. Desideriamo che Palazzo Cusani, considerato ad oggi uno dei Palazzi Milanesi più importanti, conservi la sua magnificenza e siamo convinte che sia assolutamente doveroso salvaguardarne lo splendore. Difatti, siamo stati il primo Club che ha contribuito con una ragguardevole somma ai restauri del Palazzo. Colgo l’occasione per ringraziare ancora il Comando Militare Esercito Lombardia, nella figura del Generale Camillo De Milato Comandante del Presidio, per aver insignito con l’attestato di benemerito ed Ambrogino dell’Esercito il nostro Club”.

Mi scusi, mi può parlare dell’Associazione “Amici di Palazzo Cusani” di cui Lei fa parte?
“E’un’Associazione Culturale giovane, un sodalizio di persone di eterogenea estrazione sociale, basato sulla stima e l’amicizia. Siamo persone che vogliono adoperarsi per la tutela e la cura di questo magnifico Palazzo, ma non solo questo, il nostro obiettivo è anche di ordine sociale. Il Presidente effettivo è il Generale Giovanni Fantasia, mentre il Presidente Onorario è il Generale di Brigata Camillo de Milato, Comandante Militare l’Esercito Lombardia”.

Come mai due Generali a capo di questa Associazione?
“Perché questa Associazione ha sede in Palazzo Cusani, Presidio Comando Esercito Militare Lombardia, il cui comandante è il Generale di Brigata Camillo de Milato che ha tenuto e tiene molto al mantenimento di questo prezioso capolavoro dell’architettura che ha costantemente bisogno di manutenzione. Infatti, il Generale, da anni si occupa dei relativi restauri facendo intervenire varie associazioni e fondazioni per la ricerca dei fondi necessari onde adempiere a questo grande impegno”.

Da tutto questo e da altro che sarebbe troppo lungo da elencare, è emerso che l’Arch. Michela Ferrari, giovane e valente professionista, Presidente dell’importante Club Zonta Milano Sant’Ambrogio, ha dato prova di grande umanità, apertura mentale e notevole intelligenza. E’ una donna che lavora con la passione e la determinazione di trasformare il mondo reale in divenire da cui trarre il senso della vita.

Principia Bruna Rosco

Categories: Attualità Cultura