Il board di Expo2015 è tornato dall’Assemblea Generale del Bie – Bureau International des Expositions – di Parigi con in tasca un plauso per aver confermato le opere della rassegna 2015.

Evidente la soddisfazione di questo importante risultato portato a casa da Roberto Formigoni, Giuliano Pisapia, Diana Bracco e Giuseppe Sala.

La conferenza stampa è stata convocata la sera stessa dell’assemblea di Parigi, il 23 novembre 2011, nella sede istituzionale di Expo in via Rovello 2.

“Possiamo confermare le 13 opere essenziali, le 17 connesse e le successive 36. Procede tutto nel rispetto dei tempi, le infrastrutture saranno pronte alcuni mesi prima di Expo che ad oggi registriamo l’adesione di 62 Paesi oltre le Nazioni Unite” ha assicurato Formigoni, Commissario Generale Expo come da Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 5 agosto 2011.

“Chiederemo al nuovo Governo, nel prossimo tavolo di confronto, il necessario sblocco dei finanziamenti” ha precisato Pisapia, in veste di Commissario Straordinario Expo.

“Adesso siamo perfettamente operativi e in marcia, sono partite anche le gare di aggiudicazione di servizi ICT” ha dichiarato Sala, Amministratore Delegato Expo e “il clima è positivo per mobilitare la più ampia sinergia delle imprese con partnership per investimenti e formazione” ha concluso Bracco, presidente di Expo2015 Spa.

L’assemblea generale Bie ha ufficilizzato anche i rinnovati vertici: Jean Pierre Lafon, presidente, Vicente Loscertale riconfermato segretario generale e Steen Christensen, presidente del Comitato Esecutivo e la presentazione delle candidature per il successivo Expo del 2020, temi centrali sempre legati al nostro: globalizzazione, salute, conoscenza.

 

Ulteriori info su www.expo2015.org

 

Maria Lucia Caspani

Categories: Attualità Eventi