nagandef, namastè, bom dia, iiva paiva, è buongiorno in senegalese, indiano, portoghese e finlandese. Ogni buongiorno è un saluto speciale, ancor più bello se rivolto in tante lingue diverse.
Si viene così a scoprire che le GEV, Guardie Ecologiche Volontarie della Regione Lombardia, salutano in questo modo gli alunni e studenti quando entrano in classe per le lezioni di educazione ambientale e civica.
In particolare, qualcuno fra le GEV ha studiato questi buongiorno speciali e li snocciola in altri ventiquattro idiomi.
Da sempre le GEV incontrano a scuola bambini e ragazzi di tutto il mondo, l’approccio così declinato rappresenta in concreto il senso di accoglienza reale, un tratto distintivo per dimostrare di fare buona inclusione e integrazione, vera e senza confini.
L’inclusione genera fiducia reciproca e uno scambio di valori molto significativi quali l’accoglimento dell’altro, la ricerca del significato di dignità, di umanità e dei valori condivisibili da tutti.
Di più, le GEV studiano le lingue straniere maggiormente diffuse quali inglese, spagnolo ed arabo per parlare con le comunità di extracomunitari, informarli delle disposizioni vigenti e renderli compartecipi del progresso sociale e civile delle città.
Importante evidenziare che queste esperienze esprimono e sostengono la vita, abbattono pregiudizi e barriere culturali.
In tal modo si consolida la capacità delle persone che agiscono insieme per mantenere la bellezza degli spazi pubblici.
Rispettando le regole e partecipando con coscienza nella pratica dei propri diritti e doveri, si eleva la fiducia negli altri e nelle Istituzioni.

Le GEV sono Pubblici Ufficiali, Polizia Amministrativa in servizio e sono presenti in tutta la Regione Lombardia in quanto le loro funzioni sono regolate dalla Legge 105/80, successivamente modificata ed integrata.

Si tratta della prima esperienza in Europa di volontariato ambientale, fatto molto importante tenuto conto che proprio quest’anno è l’Anno europeo dedicato al Volontariato.

In Lombardia sono circa tremila e ogni anno si incontrano tutti per la Santa Messa, ricordare i colleghi scomparsi e confrontarsi su intelligenti e future progettualità.

Quest’anno si sono radunati a Vaprio d’Adda lo scorso 18 dicembre, con la presenza dell’assessore regionale ai Sistemi Verdi e Paesaggio, Alessandro Colucci.

Ora un riferimento anche alle GEV del Comune di Milano che hanno ricevuto la Benemerenza Civica dal Sindaco Moratti nel 2006 quale riconoscimento per l’alto impegno professionale.

Al loro interno si trovano eccellenti professionisti ed esperti delle più svariate materie ecc, a costo zero per il Comune.

Le GEV svolgono in modo sistematico, professionale e volontario corsi di formazione continua su Leggi, regolamenti oltre a controlli interforze nella zona di loro competenza, educazione ambientale nelle scuole, riconoscimento degli alberi nei parchi, rapporti di servizio su scarichi abusivi, verbali e sanzioni applicate a trasgressori di Regolamenti comunali vigenti.

E vanno a braccetto con questo motto, preso a prestito da un proverbio africano: “chi vuol fare sul serio qualcosa trova una strada, gli altri una scusa"

Maria Lucia Caspani

Categories: Attualità