Staccare la spina, estraniarsi dalla quotidianità per poi rientrarvi con più vigore,rigenerati,pronti a riaffrontare le sfide che si è soliti intraprendere da guerrieri metropolitani. Solo un desiderio o una necessità? Direi una realtà, una meta raggiungibile, e pensate a poco più di un’ora da Milano.

Quest’angolo di paradiso, che nell’ambito della nostra sezione turismo riteniamo di segnalare come una delle eccellenze nel campo del benessere, ha un nome, Caesius Thermae spa & resort, Bardolino, Lago di Garda sponda orientale. Non lo scopriamo certo noi, visto che la struttura è conosciuta in campo internazionale, ma abbiamo avuto l’opportunità di incontrare il General Manager Dr. Giacomo Sarnataro, il quale ci ha concesso una intervista esclusiva che tende ad enfatizzare le particolarità di questo gioiello del benessere, unico nel suo genere.
Anno 2011, un anno che si ricorderà per una crisi economica che ha investito anche il comparto Turistico alberghiero. Come si è comportato, in un contesto complesso, il gruppo Europlan e in particolare il Caesius?
Il 2011 si chiude comunque come un anno positivo per quanto riguarda il gruppo Europlan, tour operator che ha di proprietà, oltre al caesius, altri 5 hotel stagionali, più la vendita di molti villaggi ed altre strutture sul lago di Garda. Tutto il lago di Garda ha avuto sicuramente un trend positivo per l’anno appena passato, nonostante la crisi e nonostante si prenoti sempre di più tramite last minute, tenuto conto che per una struttura alberghiera sono fondamentali i tempi di prenotazione sia per quanto riguarda la programmazione, il controllo dei costi e gli sviluppi. Il mondo turistico in generale è comunque da rivedere proprio perché i portali turistici stanno cambiando fisionomia sia agli alberghi sia ai tour operator che dovranno adeguarsi a questo nuovo modo si fare business. Ci riteniamo quindi soddisfatti per il 2011 che ha portato anche un lieve margine di miglioramento sui fatturati aziendali.
Secondo Lei, che ha una visione internazionale del panorama turistico, è cambiato il modo di fare vacanza e cosa ha più spazi di crescita?
Sì, il modo di fare vacanza è cambiato anche per una riduzione delle tempistiche, nel senso che tutte le famiglie, o semplici turisti, hanno sempre minori disponibilità di tempo e mezzi visto quello che è la crisi attuale, quindi rivedono le loro vacanze su questi punti. Tutto ciò incide sul mercato odierno, bisogna puntare sulla qualità tant’è che gli alberghi che non dispongono di un progetto serio alle spalle sono destinati a rivedere la loro politica aziendale o a chiudere. Bisogna fare qualità in modo che le persone possano scegliere sempre di più.  Avere dei portali, dei siti propri, è fondamentale per essere in vetrina tutto l’anno e mostrare il prodotto, l’importante è che poi, quello che si vede sui portali corrisponda a verità, per rispetto del cliente finale. Serietà ai massimi livelli e professionalità sempre più alta, questo e quanto ci aiuterà nel nuovo modo di fare vacanza, e consentirà successivi spazi di crescita.
Questa qualità e apprezzata maggiormente da un’utenza domestica o internazionale? Questo del Garda è un territorio molto frequentato da altre popolazioni, tedesche e nordiche in particolare, oltretutto meno soggette alla crisi di altri stati europei.
Ogni paese ha un suo standard di qualità, e proprie esigenze. Noi lavoriamo specialmente in estate con un’utenza nord europea, prettamente tedesca, e i tedeschi esigono serietà e chiarezza, specie sui prezzi, pagano ciò che si deve pagare ma vogliono correttezza nel prodotto che si offre. L’italiano vuole un’accoglienza diversa, sentirsi a casa propria, spazi per vivere le vacanze in un certo modo, bisogna quindi essere polivalenti per capire, in un hotel internazionale come il nostro, le varie esigenze, fare un must di tutte queste informazioni che comunque possono crescere  anche con l’esperienza che Europlan, leader da oltre 50 anni nel settore sul lago di Garda, ha trasmesso come background anche al Caesius contribuendo, con grandi sacrifici, ad esaudire tutte le tipologie di qualità che il cliente ci chiede, e si aspetta.
Non pensa che una maggior attenzione da parte dei politici e del governo alle bellezze del nostro paese, e qui siamo in una delle zone più amate specie da popolazioni straniere, possa apportare più visitatori, quindi ricchezza ed entrate sulla bilancia commerciale, che una manovra così pesante, basata solo sulle tasse, non ha nemmeno preso in considerazione?
Parto dal presupposto che l’Italia, essendo un paese di turismo, dovrebbe avere un ministro che capisca di Turismo perché le problematiche che ci sono dietro il mondo del turismo sono davvero molteplici, specie negli alberghi, laddove la struttura costi e veramente elevata. Tassare ulteriormente, anche con il ricorso alla tassa di soggiorno che è stata introdotta quasi in tutta Italia, è un fastidio per chi fa vacanza. I turisti vogliono un pacchetto prestabilito di costi, quindi inserire altri balzelli o tasse non sono apprezzate. Non parliamo poi della poco o nulla flessibilità del lavoro su un settore stagionale, o utenze business o leysure con picchi di presenze in determinati periodi o giorni settimanali. I contratti a tempo indeterminato sono spesso una spada di Damocle che si rivela penalizzante nella sopravvivenza di alberghi, quindi un intervento a maggior tutela, fatto da un ministro tecnico, supportato da tecnici del turismo, riuscirebbe a salvaguardare strutture, servizi e occupazione stessa.
REGALARSI E REGALARE BENESSERE il vostro motto e mens sana in corpore sana: non solo un pensiero filosofico, ma pensate sia divenuta una necessità? E come il caesius s’integra in questa ricerca di qualità di vita?
Noi intendiamo benessere come lo star bene, quindi non solo con il nostro centro benessere o la qualità della nostra cucina, ma la prerogativa di dedicarsi un po’ di tempo, staccare la spina e stare in un ambiente dove ti consenta di migliorare proprio il tuo star bene, rilassarsi, godere di un’aria pulita di una zona ancora incontaminata, completandola con le saune, le vasche termali, le piscine. Star bene con se stessi e la propria famiglia, dedicare quindi del tempo a se stessi e agli altri, questa è la nostra filosofia.
E la buona tavola, con una particolare attenzione alla qualità degli alimenti, è sempre una prerogativa del benessere, come la state proponendo ai vostri ospiti?
Offriamo tre linee di cucina, quella ad es. del km zero nasce da una moda ma diventa sempre più una necessità, essendo noi Eco Hotel si sposa perfettamente con le nostre caratteristiche, prendere cibi dal nostro territorio, anche le acque stesse, vuol dire limitare i trasporti e quindi limitare l’inquinamento prodotto dai mezzi. E’ anche, e non ultimo, una valorizzazione dei prodotti della zona, abbiamo una cucina a km zero in quanto anche i nostri chef sono nati e cresciuti nella zona, fondamentale per noi essere in linea con la nostra filosofia, piace come idea, la sposiamo e la portiamo avanti. Non ultimo abbiamo i riconoscimenti di eccellenze nel campo culinario, il gambero rosso per il secondo anno consecutivo ci ha premiato e inserito nella loro guida, e questo è un grandissimo traguardo raggiunto con tutti i nostri collaboratori. C’è poi una linea dedita al benessere, cioè alle diete, e una molto importante dedicata all’ayurvedico, una specializzazione che abbiamo qui al caesius, che cura il corpo internamente ed esternamente, trattamenti e alimentazione per un perfetto connubio. Riusciamo così, anche sull’alimentazione, a soddisfare tutte le esigenze di una clientela sempre più esigente.
Dr. Sarnataro, ci eravamo lasciati lo scorso anno con dei progetti che riguardavano la struttura, sono stati portati avanti e concretati?
Assolutamente tutti. Siamo partiti con l’ampliamento di taluni spazi, un ennesimo outlet della ristorazione con la creazione di un gazebo esterno molto apprezzato dagli ospiti specie in estate, dove possono usufruire di un posto molto più informale rispetto al ristorante tradizionale o consumare un veloce snack. Abbiamo poi sostituito la moquette in tutto l’hotel, sostituito tutti i 185 televisori per renderli anche funzionali sul satellitare e soprattutto, vista che era un’esigenza pressoché comune, attivata gratuitamente la connessione internet sia negli spazi comuni sia nelle camere.
Una novità che i vostri ospiti hanno trovato nelle loro camere, ma anche negli spazi comuni, un libro, e non un libro , un best seller, “Dalla mente al cuore”, di Franz X.Buhler. ci spiega il perché di questa scelta che personalmente trovo davvero una meravigliosa iniziativa?
Diciamo che è stata un’idea proprio dell’autore che tramite la propria agenzia ha voluto mettere a disposizione la propria opera in alberghi di livello, per trasmettere questo suo messaggio, piccole chicche inserite in questo libro, che si sposano perfettamente con quelle che possono essere le tempistiche di un cliente in albergo. Dare un libro che ha un senso dall’inizio alla fine, diventa oggi anche troppo lungo, tenuto conto che la permanenza in albergo tende sempre a diminuire, questo libro invece si può leggere o dall’inizio o dalla fine, o saltando pagine senza nessuna difficoltà. E’ un’idea che abbiamo condiviso da subito in quanto, sino a qualche anno fa, l’unico libro che si trovava nelle camere era la bibbia, oggi con l’internazionalizzazione dei clienti, con diversi credo religiosi, abbiamo messo a disposizione un libro che invece può andare bene per tutti considerandola, appunto, un’attenzione particolare.
Siete riconosciuti e apprezzati come uno dei migliori operatori del settore, presenti su tutte le più importanti riviste internazionali, quali sono le strategie del gruppo Europlan e del Caesius per i prossimi anni?
Anche quest’anno abbiamo ampliato la nostra visibilità entrando a far parte della CONDE’ NAST, un franchising americano molto conosciuto e utilizzato per l’estero, proprio perché abbiamo sempre più la necessità di dare un’identità sempre più internazionale alla nostra attività, il prodotto Caesius è un brand internazionale, la zona invece è al momento fortemente conosciuta nel nord Europa, quindi vogliamo ampliare questo ragionamento. Anche il Gruppo Europlan, forte come già detto di 50 anni di attività, con gli altri 5 alberghi ha questa necessità, è in forte espansione quindi dare una maggior visibilità diventa sinonimo di ampliamento di competenze e professionalità internazionale. Condè Nast, Tripadvisor, holiday check, portali e riviste specializzate ci saranno di grande aiuto per essere riconosciuti, ancora di più, leader di settore.
Dr. Sarnataro, nel ringraziarla per questa sua disponibilità, che i nostri lettori sapranno molto apprezzare, tramite queste pagine cosa vorrebbe ulteriormente puntualizzare?
Volevo spendere un pensiero in più per il caesius, una frase che maggiormente ci viene sempre più riconosciuta dagli ospiti quando lasciano la struttura, è che hanno sempre maggiormente l’impressione di entrare più che in un albergo in un transatlantico, quindi avere tutte le tipologie di servizi all’interno del caesius che permette loro di non uscire mai fuori hotel, godendosi quanto di meglio mettiamo a disposizione, benessere, cucina, intrattenimento, anche per i più piccoli con il nostro miniclub. Sembra di trovarsi su una nave da crociera, solo che invece del mare abbiamo di fronte a noi un meraviglioso lago.

La redazione di salute e benessere