Il volto non è molto noto, ma la sua voce è diventata un punto fermo nella trasmissione radiofonica che Radio Deejay ha nel proprio palinsesto quotidianamente. Parliamo di Enrico il bagnino, un personaggio che è ormai è un riferimento nello sviluppo delle previsioni meteorologiche nazionali, un Bernacca, per gli amanti dei ricordi della propria infanzia, che è seguito proprio dai microfoni di deejay da milioni di ascoltatori.
L’abbiamo incontrato a Riccione, proprio nella famosa spiaggia 61, un punto di riferimento per vip e gente comune, un ambiente familiare dove spicca sempre la sua figura. Non pensate di trovarvi di fronte ad una persona a cui la notorietà ha cambiato le proprie abitudini, affatto, è rimasto l’uomo romagnolo legato alle sue origini, alla sua terra, alla sua Riccione.
Ci ha concesso una intervista che non è stato facile impostare, proprio per la sua umiltà e per la timidezza di trovarsi, comunque, al centro di attenzioni che sembrano lontane dalla sua persona.
Proprio per questo lo ringraziamo a nome di tutti i lettori di GSA Master News.
Enrico Della Rosa, detto Enrico il Bagnino, partiamo da una domanda di rito, com’è nata questa passione per le previsioni meteorologiche?
Tutta è nata e si è sviluppata proprio grazie al lavoro che faccio, è quasi un obbligo sapere come sarà il tempo. L’avvento di internet mi ha permesso di sviluppare questa passione mettendomi a disposizione parecchio materiale per poi rispondere con correttezza alla solita domanda dei miei clienti: Enrico che tempo oggi ci aspetta?
Come sviluppi le previsioni, quali sono i criteri ed i mezzi su cui ti basi per tenere aggiornati i tuoi dati?
Proprio su internet ci sono tutte le carte possibili ed immaginarie, ho proprio tutto a disposizione, con il tempo poi mi sono sempre più affinato dal punto di vista tecnico permettendomi una corretta interpretazione.
Come si abbina l’attività di bagnino con quella di meteorologo, una prevale sull’altra o le porti avanti insieme?
Riesco con fatica a portarle avanti entrambe, specialmente in estate mi assorbono completamente ma posso dire che ce la faccio in quanto ho la fortuna di fare un lavoro che mi piace e quindi subentra la passione a darmi la carica giusta.
La collaborazione con Radio Deejay è stata il lancio e il riconoscimento di questa tua passione. Com’è avvenuta?
Tutto è nato oltre 20 anni fa, molti deejay venivano qui in spiaggia e un giorno marco Baldini mi ha chiesto di collaborare con la radio, da allora questa collaborazione continua con cadenza giornaliera, e mette a dura prova, soprattutto con quei simpatici romani del Trio medusa, la mia competenza.
La gente ti segue e si fa delle notevoli aspettative sulle tue previsioni. Ti senti una sorta di responsabilità in questo? E come ti senti quelle rare volte che le tue previsioni puntuali vengono disattese?
Non è mai successo che sbagliassi.(e qui esce la schiettezza esilarante romagnola) no dai qualche volta succede e sento una certa responsabilità verso i miei affezionati ascoltatori, proprio per loro rispetto devo stare attento ad essere il più preciso possibile. Quindi sento il peso della responsabilità.
Hai contribuito con la tua simpatia a dare una maggiore visibilità a Riccione, la tua cittadina, come vedi il suo sviluppo e pensi che possa avere ulteriori potenzialità di attrarre ed accogliere un sempre maggiore numero di turisti?
Riccione penso che rispetto ad altre località della costa sia un passo avanti, sono stati fatti molto lavori, il lungomare completamente rinnovato, con parcheggi sotterranei sono un esempio di tutela del territorio e delle proprie bellezze. Se poi facciamo una valutazione rispetto a Rimini…siamo due passi avanti.
Per quel cheti riguarda hai in corso altri progetti, collaborazioni o nuove idee da sviluppare con i più importanti media?
Sta andando sempre avanti la collaborazione con radio deejay, e questa, abbinata alla mia quotidianità di bagnino, è più che sufficiente.
Hai ancora qualche sogno nel cassetto che vorresti realizzare?
Direi di no, va bene così, ciò che volevo si è avverato, non posso volere di più.
E vedendolo sorridente e sereno, sempre attorniato da sua moglie Viviana e dei suoi due figli, c’è solo da crederci.

Massimo Passera

Categories: Attualità