Saranno premiati il 12 ottobre a Pordenone, dalle 15.30, i vincitori del PRIMO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE RISERVATO A PAZIENTI ONCOLOGICI promosso dall’Istituto nazionale Tumori – CRO di Aviano. Obiettivo è premiare testi che parlino della malattia sotto forma di racconto, diario, testimonianza o fiaba. Il tema scelto per la prima edizione, nata su impulso della Direzione Scientifica e della Biblioteca Scientifica del CRO, è «Pazienti oncologici raccontano come levare l’ancora con la scrittura… Intonazione all’estate che arriva». Il concorso è suddiviso in due categorie: «Adolescenti – Giovani adulti» di età compresa tra i 14 e i 25 anni (non compiuti al 31 luglio 2012) ed «Adulti» di età s uperiore ai 25 anni. La giuria composta da operatori del CRO e collaboratori ed esponenti del mondo culturale ha esaminato gli elaborati sotto il profilo dell’attinenza col tema del premio, dell’arguzia e dell’originalità, della capacità compositiva e della correttezza linguistica». Una quarantina, ha fatto sapere la segreteria del Concorso, gli elaborati pervenuti al CRO.

La cerimonia di assegnazione, condotta da Michele MIRABELLA, avverrà nell’Auditorium Concordia in occasione del secondo convegno di medicina narrativa Leggiamoci con cura, Scrittura e narrazione di sé in medicina organizzato dal gruppo Patient Education del CRO e di cui lo stesso Mirabella è direttore artistico.

LEGGIAMOCI CON CURA tratta dell’importanza che il narrare e scrivere di sé hanno in medicina all’interno del processo di cura. L’evento si sviluppa nell’ambito del Gruppo Patient Education del CRO di cui sono parte attiva, oltre a personale sanitario e di ricerca, anche rappresentanti di Associazioni di Pazienti e Volontari presenti in Istituto, e la Biblioteca Civica di Aviano. L’Istituto ha una tradizione decennale nel raccogliere le testimonianze dei pazienti affidate a quaderni e a “diari di bordo” collocati in diverse aree dell’ospedale e nel divulgarle attraverso vere e proprie pubblicazioni. Ora si propone di consolidare anche un percorso di Medicina Narrativa per favorire il confronto, la condivisione e la diffusione delle competen ze tra operatori e pazienti. Il convegno, ECM accreditato, è occasione di formazione non solo per personale sanitario ma per quanti sono interessati a migliorare la capacità di accoglienza e ascolto (per esempio volontari, insegnanti, familiari, pazienti stessi e altro personale dell’area tecnico amministrativa, senza quindi obbligo di crediti ECM) Tre le sessioni previste a partire dalle ore 08.45: Focus sulla medicina narrativa, esperienze di medicina narrativa, premio letteriario per i pazienti.