Venerdì 23 Novembre 2012 è il termine ultimo per partecipare alla quarta edizione del Premio Nazionale «WRITE-AIDS» patrocinato da RAI Segretariato Sociale e promosso dalla Commissione Interaziendale AIDS AUSL-Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara, a cura della Direzione Programma Dipendenze Patologiche e dell’Ufficio Stampa-Comunicazione di AUSL Ferrara.

WRITE AIDS si rivolge alle persone di qualsiasi età: chiunque, manifestando la sua sensibilità, può partecipare scrivendo un articolo, realizzando un’inchiesta, un racconto, raccogliendo una testimonianza; può produrre disegni, fumetti, foto o altre forme artistiche a propria discrezione (canzoni, poesie, opere d’arte, ecc…) filmati con qualsiasi strumento, dalla telecamera al telefonino. Il bando completo: www.ausl.fe.it Home Page “In Evidenza”.
LA SCADENZA. Il concorso è rivolto a tutti, la partecipazione è gratuita. Ogni concorrente potrà partecipare con una sola opera. Si richiede materiale inedito in lingua italiana, mai premiato né presentato ad altri concorsi o già pubblicato. La scadenza per presentare i lavori è fissata per le ore 14.00 di Venerdì 23 Novembre 2012.
Il materiale può pervenire a mezzo raccomandata a: Azienda USL Ferrara – Direzione SERT, Via Francesco del Cossa, 18 – 44121 Ferrara. 0532 233711-0532 233713 Fax 0532 200092, oppure a mano, all’indirizzo indicato, dal Lunedì al Venerdì dalle 10 alle 12. E’ possibile la consegna via mail a: sert.direzione@ausl.fe.it

IL TEMA 2012. “AIDS e MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE: DA RISCHIO VIRTUALE A RISCHIO REALE, DA PROBLEMA PERSONALE A PROBLEMA GLOBALE”.
Lo svolgimento del tema è libero, ad esempio, si sviluppano, in forma creativa, riflessioni, commenti sulla prevenzione, sui luoghi comuni, pregiudizi, vissuti; iniziative di sostegno, assistenza e cura, testimonianze, interviste, idee per campagne di sensibilizzazione.
I PREMI: 1.000 euro in palio. Una sola opera per ognuna delle 3 sezioni risulterà vincitrice e premiata con 250,00 € (duecentocinquanta euro); con 250,00 € (duecentocinquanta euro) sarà premiata l’opera Premio Menzione Speciale della Giuria Write-Aids che si riserva di indicare ulteriori premi.
LA GIURIA Il premio sarà assegnato da una giuria composta di giornalisti dei mass media locali e dai rappresentanti della Commissione Interaziendale AIDS.
LA NUOVA STRATEGIA EUROPEA: ECCO PERCHE’ WRITE AIDS. La nuova strategia di lotta all’AIDS suggerita dall’Unione Europea, per il quinquennio 2009/2013, contiene principi e azioni per contrastare la diffusione dell’HIV/AIDS e indica precise strategie di intervento ai Paesi Membri.
Gli attori-chiave, incluse le autorità nazionali e le organizzazioni non governative, devono migliorare l’informazione alla popolazione, e in particolare ai giovani, sulle modalità di trasmissione e di prevenzione con il Patrocinio dell’HIV/AIDS, dedicando una particolare attenzione agli immigrati provenienti da Paesi con un tasso elevato di HIV per sensibilizzarli su come prevenire l’infezione, sulla necessità di sottoporsi al test e sulle terapie disponibili, migliorando il counselling, le politiche sanitarie e sociali concentrandosi sulle popolazioni più esposte, con particolare riguardo ai diritti umani e lottando contro la discriminazione e i pregiudizi associati all’HIV/AIDS.
In considerazione dei dati epidemiologici attuali e dell’evidenza scientifica della validità di alcuni interventi di prevenzione, si può dire che la loro efficacia dovrà basarsi sulla combinazione tra l’attività biomedica e gli interventi socio-sanitari mirati a moderne strategie educative.
Da alcuni anni si ha, infatti, la sensazione che sia calato il silenzio sul problema forse perché non riguarda più cittadini considerati di “serie b” -come i tossicodipendenti- ma cittadini che s’infettano con rapporti sessuali.
Questo, nonostante il virus dell’Hiv sia in crescita, soprattutto in Asia centrale e nell’Europa orientale con una situazione preoccupante in Russia e Ucraina dove l’epidemia si diffonde con particolare gravità.
Nel mondo sono 33,4 milioni le persone affette da Hiv con una quota del 67% contagiata nell’Africa sub sahariana e 2,1 milioni di bambini che vivono con l’hiv (2008). In Italia sono stimati 170-180mila sieropositivi, 22 mila malati d’AIDS, con un 25% di sieropositivi che non sanno di essere infetti. Fonte: Aids Epidemic aggiornamento 2009, UnAids-OMS; Centro op. AIDS-ISS Istituto Superiore Sanità.
Le modalità di trasmissione sono cambiate: la trasmissione per via sessuale è il modo di gran lunga più frequente; oltre l’80% delle nuove diagnosi da HIV è causata da rapporti sessuali non protetti. .e purtroppo ancora oggi sono molte le persone che giungono tardivamente alla diagnosi. In Emilia-Romagna nel periodo 2006-2009, il 48% delle persone con nuova diagnosi di HIV è arrivata già in AIDS.
L’attenzione dei media e della società è bassa: siamo, quindi, di fronte ad un fenomeno per cui i più giovani non sanno di cosa si stia parlando e gli altri pensano che il virus dell’Hiv sia scomparso o guaribile, dimenticando che non esiste ancora un vaccino. La realtà, infatti, è molto diversa dal “virtuale” perché non esiste ancora un vaccino sicuro contro l’AIDS, nonostante la ricerca proceda con intense sperimentazioni e le terapie prolunghino la vita dei soggetti sieropositivi che, in ogni caso, non guariscono e il potenziale di diffusione aumenta per questo immotivato “reale cessato allarme”.

La mattina di Sabato 1° Dicembre 2012, dalle ore 9 alle 13, al Multisala Apollo di Piazza Carbone 35 a Ferrara, la conferenza con il consueto ricco contributo di video filmati scientifici e d’inchiesta e le premiazioni della quarta edizione del premio WRITE AIDS promosso dalla Commissione Interaziendale AIDS di AUSL e Azienda Ospedaliero-Universitaria S. Anna con la collaborazione dell’Ufficio Scolastico Provinciale di Ferrara.
Autorità locali, insegnati e studenti delle scuole medie superiori rifletteranno e commenteranno assieme i lavori in concorso e premiati, scambiando informazioni con rappresentanti della stampa, giuria del Premio, ricercatori scientifici coinvolti sul tema HIV/AIDS e della divulgazione scientifica, presentando dati, novità in campo medico e scientifico, fare il punto sulla ricerca, le terapie ed i comportamenti corretti.