INVECCHIAMENTOantiox

GLI ANTIOSSIDANTI

 

I grandi alleati per una strategia anti-aging per il corpo e per la mente sono gli antiossidanti, sostanze capaci di contrastare la formazione dei radicali liberi e di neutralizzarne gli effetti dannosi, quando siano prodotti in eccesso dall’organismo.

I radicali liberi, o ROS (Specie Reattive dell’Ossigeno), sono gruppi di molecole altamente reattive e instabili. Queste molecole, quando prodotte in eccesso come sopra accennato, sono in grado di danneggiare componenti cellulari, grassi, proteine e acidi nucleici, determinando lesioni o mutazioni a carico del DNA con la conseguenza di provocare l’invecchiamento o la morte cellulare e favorendo l’insorgenza di alcune forme tumorali.

Tra i tessuti più sensibili al danno dei radicali liberi vi è l’endotelio vasale favorendo la formazione di placche aterosclerotiche. Fra questi, in particolare, ne sono più colpiti gli endoteli dei vasi cerebrali, le cui lesioni non sono facilmente recuperabili.

Molteplici cause sono responsabili della produzione in eccesso dei radicali liberi, fra queste:

–         le  radiazioni ionizzanti quali i raggi X e gamma,  e i raggi

ultravioletti,

–         le infiammazioni e le infezioni, le quali scatenano la produzione di radicali liberi da parte dei globuli bianchi (linfociti, neutrofili, macrofagi) al fine di poter distruggere gli agenti patogeni,

–         alcuni  enzimi  capaci di metabolizzare farmaci o altre  sostanze chimiche esogene,

–         la fosforilazione ossidativa correlata alla catena respiratoria mitocondriale.

Lo stato ossidativo o stress ossidativo provocato dai radicali liberi in eccesso contribuisce all’invecchiamento cellulare, e quindi dell’organismo, e alla comparsa di stati infiammatori e processi degenerativi ad andamento cronico. L’organismo tuttavia possiede un sistema antiossidante endogeno che tende a contenere la  potenzialità distruttiva dei radicali liberi, fino a quando esista un equilibrio fra la produzione e la distruzione degli stessi, e trasformando la loro azione da meccanismo di difesa in meccanismo decisamente patogenetico.

E’ possibile quindi mettere in atto strategie per favorire questo equilibrio e l’importanza di una alimentazione ricca di sostanze antiossidanti è oramai universalmente riconosciuta. Pertanto, è indispensabile assumere ogni giorno: frutta e verdura di stagione ricche di bioflavonoidi e vitamine; spezie ed erbe come il rosmarino, il basilico, l’origano, il timo; tè verde; acidi grassi polinsaturi Omega-3 presenti nella frutta secca, negli oli vegetali, nel pesce azzurro , nel tonno, nel salmone e nei crostacei;  Omega-6 presenti nelle noci, nei cereali e nella maggior parte degli oli vegetali; gli Omega-9 presenti soprattutto nell’olio d’oliva; prebiotici, probiotici e vitamine C ed E.  E’ inoltre consigliabile ridurre l’introito alimentare ed eliminare tutti i cibi potenzialmente tossici. Non va sottovalutata l’importanza di una moderata attività fisica, del controllo del peso, di una eliminazione o almeno drastica riduzione del fumo, di una attenta, e non scriteriata, esposizione al sole. Qualora queste attenzioni e precauzioni non fossero sufficienti a favorire la produzione di antiradicali, si renderà indispensabile una supplementazione con integratori prodotti secondo norme internazionali, supportati da ricerche cliniche e certificazioni documentate.

L’integrazione con gli antiossidanti, per essere veramente efficace, deve essere: specifica, completa e bilanciata.

Specifica in quanto deve tenere conto della situazione soggettiva ed oggettiva che il paziente sta vivendo: stress, alimentazione inadeguata, mancanza o eccesso di esercizio fisico, l’assunzione di contraccettivi, patologie infiammatorie e così via.

Completa perché un’unica sostanza che risponda alle esigenze del soggetto non  esiste, ma è necessaria l’assunzione di sostanze complementari fra loro per ottenere un effetto sinergico e mirato.

Bilanciata in quanto i componenti dell’integratore  devono essere presenti in quantità adeguata a sortire la protezione antiradicalica voluta, senza produrre effetti collaterali indesiderati.

Tra gli antiossidanti di ultima generazione troviamo il PICNOGENOLO derivato dalla corteccia di pino marittimo francese, il cui uso è importante in caso di esposizione ai raggi UV, promuove l’elasticità e la tonicità della pelle; è un super nutriente per la pelle; protegge i soggetti predisposti all’insorgenza di eritema solare  e nei soggetti con melasma. Inoltre, migliora la circolazione periferica riducendo i gonfiori e rafforzando i vasi. Recenti studi hanno rilevato che la somministrazione di questa sostanza ha un’azione anti-aggregante utile nel ridurre la possibilità di episodi trombotici specie durante un lungo periodo di inattività delle gambe, come durante un lungo volo in aereo.

Importante la sua azione in caso di disturbi circolatori a livello della retina, soprattutto in soggetti diabetici,  dove è in grado di ottimizzare la permeabilità endoteliale ed evitare microemorragie con miglioramento dell’acuità visiva.

L’ASTAXANTINA di derivazione naturale, si tratta di una microalga, con un’azione antiossidante di 10 volte maggiore rispetto agli altri carotenoidi come il beta-carotene e fino a 500 volte più potente della Vit. E. A differenza di altri antiossidanti è in grado di attraversare la barriera emato-encefalica ed emato-retinica, esercitando i suoi effetti benefici a livello oculare e cerebrale. È utile anche in caso di infertilità maschile.

Le bacche di AXAI, frutti di una palma dell’Amazzonia, particolarmente ricche di antocianine e vari flavonoidi, con azione vasoprotettiva, antinfiammatoria, anti-obesità ed anti-diabetica.

La QUERCITINA in sinergia con la Vit. C e BIOFLAVONOIDI è un potente antiossidante , anti-infiammatorio e rinforzante le difese immunitarie.

Il MAIS ROSSO che si è visto avere un potere antiossidante di 3,8 volte superiore a quello del mirtillo (frutto con uno dei maggiori poteri antiossidanti!). Utile anche per contrastare l’aumento di peso indotto da una dieta ad alto contenuto di grassi grazie all’attivazione di un messaggero cellulare rilasciato dagli adipociti, la cui presenza diminuisce in caso di obesità o di insulino-resistenza.

Il RESVERATROLO che gli acini d’uva producono naturalmente in difesa dai raggi solari e da agenti patogeni quali batteri ,virus e funghi. Non è però possibile assumerne la giusta dose giornaliera (50 mg circa) attraverso l’assunzione di vino rosso ( che ne contiene circa 12,5 mg/litro) in quanto ne sarebbero necessari circa 4 litri al giorno, dose che distruggerebbe anche il fegato più sano! L’assunzione di integratori con Resveratrolo è efficace come anti-aging cutaneo ritardando la formazione delle rughe, proteggendo dall’azione dannosa dei raggi ultravioletti, favorendo la produzione di collagene. Ha inoltre un’azione anti-infiammatoria, protettiva dell’endotelio dei vasi e fluidificante del sangue, limitando la formazione di placche trombotiche.

Il COENZIMA Q 10 è un elemento fondamentale per il corretto funzionamento dei mitocondri, centrale energetica della cellula ed  essenziale per il mantenimento di una buona efficienza fisica. Con l’invecchiamento la sua concentrazione tende a diminuire, così come ad esempio in presenza di alcune malattie croniche quali il diabete e il morbo di Parkinson, o in seguito all’assunzione di alcuni farmaci come le statine, utilizzate per ridurre l’ipercolesterolemia.

Va tuttavia ricordato che anche l’uso di integratori antiossidanti deve essere consigliato dal proprio Medico o dal Farmacista di fiducia i quali sapranno indicare gli integratori più idonei in relazione ai bisogni della persona, evitando sovradosaggi pericolosi per la salute. Ad esempio, alti dosaggi di vitamine sono tossiche per i reni, così come i polifenoli possono provocare danni epatici e quindi divenire, a loro volta, sostanze pro-radicali e quindi pro-ossidanti.

Patrizia Castellacci

Categories: Salute e benessere