LIFE COACH 8 IL BELLO & IL BRUTTO: ONORE ALLA BEFANA!

befana“La Befana vien di notte…” e anche quest’anno, come vuole la tradizione, ha scorrazzato nei nostri cieli nell’ultima notte dei dodici giorni di interregno che vanno dalla conclusione dell’anno solare e l’inizio di quello lunare. La Befana. È antica la figura tradizionale e folkloristica della Befana. Descritta un po’ strega e un po’ nonnetta, astuta ma sensibile, sempre generosa con i bambini, quelli che sono stati buoni, ai quali regala dolci e altre delizie. Nelle leggende la Befana porta carbone ai bambini cattivi, per ammonirli a non ripetere, nel nuovo anno, le cattive azioni. Se il carbone, ovvero la punizione meritata, con gli anni si è addolcito nel gioco metaforico del “facciamo finta che…” ed è diventato anch’esso un dolce di zucchero (ma di color nero…), è pur vero che l’icona della Befana ha mantenuto invariata la sua caratteristica estetica, cioè quella di essere davvero BRUTTA. E il brutto evoca immagini scure, occulte e legate alla personificazione della strega cattiva, come quella di Biancaneve. Nei tradizionali racconti per bambini, invece, la Befana è una vecchina buona. Ma pur sempre una strega, vestita di stracci e che vola a cavallo di una scopa e rappresenta, inoltre, le cose vecchie da lasciare alle spalle con l’arrivo dell’anno nuovo che, per contrapposizione, sarà un anno giovane, bello e pieno di buone promesse.

Sorge, a questo punto del discorso, un quesito: VECCHIO = BRUTTO e quindi GIOVANE = BELLO?
La nostra percezione visiva e mentale comprende meglio un “oggetto” se contrapposto al suo contrario; quindi se sei giovane non puoi essere vecchio, se sei brutto si esclude che tu possa essere il suo contrario, bello. Una qualità, anche se non ce ne rendiamo conto razionalmente, raggruppa significati di appartenenza secondo criteri stabiliti dal pensiero comune e culturale. Per esempio nel mondo occidente: bello, giovane, sano, intelligente, agile è in contrasto con vecchio, brutto, malato, rallentato nel pensiero e nei gesti. È chiaro come una sola parola può sottintenderne diverse altre e, conseguentemente, escludere i suoi contrari. Siamo umanamente portati a “dar per scontato” che il contrario di una qualità sia ovvio per tutti (o sei buono o sei cattivo), ma rischiamo di lasciarci imbrigliare da un pensiero spesso troppo rigido, e in parte inconscio, che mette automaticamente in fila i derivati di una qualità e i suoi altrettanto scontati opposti.

befana1 La fantasia invece permette di sovvertire l’ordine delle cose per creare immagini e pensieri nuovi. Proprio la figura della Befana è un esempio di come l’alchimia di simboli, diversi e in contrasto fra loro, possano produrre effetti magici e potenti sulla nostra psiche. Ricapitolando: dalle fonti storiche e dalla tradizione popolare la Befana è UNA STREGA BUONA; ma nella simbologia universale abbiamo detto che la strega è portatrice di intenzioni cattive, occulte e maligne. Quindi la bontà a lei attribuita è un primo segnale di trasgressione del senso comune. È vestita di cenci, non si sa da dove arrivi e addirittura passa dai camini, quindi sporca: non è certo questo lo stereotipo dell’ospite gradito. Ma ciascuna famiglia lascia che la strega entri nella propria casa e porti doni e…leccornie…!

 

befana2Infine la Befana non fa paura, la sua bruttezza non procura ribrezzo ma senso di dolcezza che “avvicina” anziché allontanare. I bambini ne sono addirittura rassicurati. La sua immagine sembra dirci che non tutto ciò che viviamo deve essere dato per scontato. Se lei ha potuto emanciparsi nei secoli da “brutta e cattiva” a “dolce vecchietta” questo è per merito della creatività e della fantasia, forme di pensiero elevate di cui è capace l’essere umano per trasformare le emozioni faticose e negative  in nuove sensazioni, piacevoli e stimolanti.

UN AUGURIO da LIFE COACH di lasciare insieme all’anno vecchio, tutte, ma proprio tutte quelle abitudini che non ci fanno vivere bene e darsi la possibilità di vivere davvero un NUOVO BUON ANNO 2014.

 

…e la storia continua…                                                   Daniela Testa

 

Categories: Life Coach