locandina_legnanesi

I LEGNANESI – La scala è mobile al Teatro Nazionale sino al 24 febbraio 2014

Riusciranno i nostri eroi…..potremmo iniziare cosi, con questa frase, a commentare l’esilarante spettacolo dei Legnanesi che è in scena sino alla fine di febbraio presso il Teatro Nazionale di Milano, questa edizione con una importante novità, una orchestra dal vivo condotta dal Maestro Arnaldo Ciato accompagnato da sette artisti.

La storia è sempre relativa alle disavventure della Famiglia Colombo, una famiglia come tante, di uno spaccato dell’Italia del dopoguerra , dove il cortile di una vecchia, ma anche contemporanea Legnano,  rappresenta il centro della loro quotidianità tra pettegolezzi, liti, invidie, passioni, ma tutto in un contesto sociale di forte legame alla loro terra, al loro cortile, ed anche alla solidarietà tra le persone.

La gags che viene rappresentata quest’anno, e segue il grande successo della passata stagione “Lasciate che i pendolari vengano a me”, è più che una brillante e comicissima commedia, lasciateci parlare di un musical perché, proprio il tocco del maestro Ciato, ha arricchito quello che è il solito humor spontaneo ,ma anche talvolta amaro, con una rappresentazione Hollywoodiana con musiche, sceneggiatura ed abiti degni di un cast stellare, ma i nostri attori non hanno nomi altosonanti, sono sempre la solita Teresa, la Mabilia ed il Giuan.

E proprio di America si parla, quell’America vista ancora agli occhi della povera gente come un sogno dove si possono realizzare le proprie speranze di una vita migliore, ecco che la Famiglia Colombo ed i propri più cari amici partono alla ricerca della fortuna in quel di “Nuova York, ma tra spostamenti, ceck in, controlli di sicurezza, solo una parte di loro riescono ad imbarcarsi mentre la solita Teresa, il Giuan e la Pineta fanno un mesto ritorno al loro cortile. Da qui una serie di disavventure costringono gli emigrati a fare ritorno a casa, scoprendo che l’America la possono trovare anche nel proprio cortile facendosi forza gli uni con gli altri ed aiutandosi vicendevolmente per superare le difficoltà.

E’ un tema questo di grande attualità, la crisi economica ha portato ad una ulteriore profonda crisi sociale,una ricerca spasmodica di migliorare la propria vita attraverso strade che, purtroppo, non portano da nessuna parte, i sogni svaniscono e cosa resta alle persone? Forse riscoprire il modello umano, la reciprocità, i veri valori che, attraverso i loro fondamentali hanno poi portato a costruire una comune coscienza critica e da li a migliorarsi sia come uomini, che come società, gettando le basi per un nuovo percorso fatto sempre con l’aiuto vicendevole.  I legnanesi ci stanno, come sempre, lanciando un messaggio, sempre con un sorriso e con tanto ottimismo, perchè non iniziare a raccoglierlo proprio attraverso le sonore risate di questo show?

E’ più che una sana cultura popolare questa, un modello che non è solo di una corte lombarda, non a caso finita l’esperienza Milanese i Legnanesi debutteranno al Sistina di Roma, non è un umorismo legato solo al dialetto, è uno spettacolo ormai internazionale proprio perché la cultura popolare non conosce limiti e la Famiglia Colombo (Antonio Provasio “La Teresa”, Enrico Dalceri “La Mabilia”, Luigi Campisi “Il Giovanni”) ne è il migliore testimonial.

 

Massimo Passera

Categories: Spettacolo