CASTELLACCI VIDEO

Circolo della Stampa – La Dott.ssa Patrizia Castellacci – Parte 1

[sz-youtube url=”https://www.youtube.com/watch?v=mEVACxrbtfQ&feature=youtu.be&hd=1″ schemaorg=”N” /]

Circolo della Stampa – La Dott.ssa Patrizia Castellacci – Parte 2

[sz-youtube url=”https://www.youtube.com/watch?v=Djd0VV57aZk&feature=youtu.be&hd=1″ schemaorg=”N” /]

Buona giornata.

IDROTERAPIA DEL COLON

 

E’ noto da tempo che l’accumulo di residui fecali nel tratto di intestino chiamato colon è causa di molti problemi che minano la salute dell’intero organismo. L’intestino è un organo deputato sia all’assorbimento di materiale nutritizio sia all’eliminazione di prodotti di rifiuto, le cosiddette “scorie”, ma se l’eliminazione delle scorie è imperfetta e non completa, si verifica un ristagno di materiale che nel tempo diventa tossico.

Inoltre questo accumulo, inutile e tossico, andrà inevitabilmente a disturbare la flora batterica fisiologica favorendo così lo sviluppo di germi e funghi patogeni e la dissemina di tossine in tutto l’organismo.

Una flora intestinale funzionante è, dal punto di vista fisiologico, una condizione importante di un organismo sano. Pertanto, tutte le situazioni nelle quali la funzione evacuatoria dell’intestino viene alterata sia nella direzione della stitichezza sia in quella degli stati diarroici necessitano di un intervento che ripristini la normale funzione intestinale.

L’idroterapia del colon, o idrocolonterapia, rappresenta lo sviluppo più recente di una pratica antica, ora più tecnologica, più scientifica e più efficace degli antiquati clisteri.

E’ un intervento terapeutico medico che utilizza un apparecchio semiautomatico per il lavaggio del colon nella sua interezza. La terapia è in grado di: 1) ripulire dalle incrostazioni anche vecchie di anni, che si presentano , a volte, con un colore e una consistenza come di gomma di pneumatico, o di una durezza simile a “stalattiti”; 2) di risanare la mucosa; 3) di ripristinare una efficace flora intestinale eubiotica; 4) di restituire, in molti casi, una corretta funzionalità del colon e una buona resistenza immunologica. Molti studi epidemiologici hanno dimostrato che la salute, la malattia e l’invecchiamento sono in stretta relazione con lo stato del colon e l’equilibrio fra l’assimilazione delle sostanze nutritive e l’eliminazione delle scorie è senza alcun dubbio il fattore primario per conservare una buona salute in quanto se il colon non funziona la tossiemia intestinale sarà causa dell’avvelenamento del sangue e della linfa, quindi di tutto l’organismo. Inoltre la putrefazione intestinale comporta una diminuzione del potenziale immunitario e dei meccanismi di difesa. E’ stato accertato che, a causa della tossiemia intestinale, un aumento dei batteri patogeni, che normalmente abitano il colon, quali streptococchi e stafilococchi, sia responsabili di malattie quali l’artrosi, l’acne, il mal di testa, l’ipertensione e la psoriasi.

L’idroterapia del colon è utile nel trattamento di: stipsi, irregolarità dell’alvo, alitosi, colite, meteorismo, colon atonico, colon spastico, colite ulcerosa, morbo di Crohn e rettocolite ulcerosa, diverticolosi, emorroidi, parassitosi, micosi intestinali, intolleranze e allergie alimentari, acne, psoriasi dermatosi, dermatiti, disintossicazione generale, una migliore idratazione della pelle, miglioramento dei sintomi nelle malattie allergiche, emicrania, prostatiti. Come suggerito dalla Dottoressa Kousmine, questa pratica è una delle basi indispensabili per il trattamento delle patologie degenerative.

Descritti i numerosi vantaggi, sono poche le controindicazioni relative alla terapia: tumori intestinali, gravidanza, interventi chirurgici recenti al colon, sanguinamenti gastro-intestinali ad eziologia ignota, grave insufficienza cardiaca, patologie intestinali acute.

 

D.ssa Patrizia Castellacci

 

Categories: Salute e benessere