t l
Andrea Leadsom e Theresa May vincono il voto dei Tory per la leadership

 

 

Andrea Leadsom e Theresa May, due donne nel partito conservatore, hanno vinto il secondo voto per la leadership dei Tory e ora se la vedranno nella battaglia per diventare primo ministro del Regno Unito post-Brexit.

”Theresa May era un oppositrice della Brexit, mentre Andrea Leadsom era favorevole.”

Inizialmente, durante la campagna per il referendum, si pensava senza alcun dubbio che, se il voto Brexit avesse vinto, Boris Johnson – il suo più grande difensore – avrebbe sostituito come primo ministro David Cameron. Dopo la vincita del voto ‘Leave’, in soli alcuni giorni, Michael Gove, il braccio destro di Boris durante la Campagna, gli voltò le spalle e decise di candidarsi al suo posto per la leadership. Boris, in un intervista, disse che avrebbe voluto portare lui avanti il paese, ma che è rimasto senza scelta. Così, annunciò di non essere più un candidato, e da allora ci fu incertezza su chi sarebbe diventato il nuovo primo ministro per portare avanti il paese durante l’uscita dall’Ue.

 

Si candidò inizialmente Theresa May, segretaria di Stato per gli Affari Interni. Dopo poco ci fu Gove, segretario di Stato della Giustizia, e di conseguenza Andrea Leadsom, Ministro di Stato per il dipartimento di Energia e dell’Ambiente, con il supporto di Boris.

 

Michael Gove, un parlamentare un po’ goffo, cosciente delle sue mancanze di “carisma” e di “glamour”, non fu eletto nel secondo round di votazioni. I parlamentari decisero di votare per Theresa May con 199 voti, Leadsom con 84, e Gove con soli 46.

 

Theresa May disse: “Sono lieta di aver vinto così tanto supporto da parte dei miei colleghi.

 

Abbiamo bisogno di una forte, riconosciuta leadership per negoziare il miglior accordo mentre lasciamo l’Unione europea, di unire il nostro partito e il paese, e di fare diventare la Gran Bretagna un paese che lavoro non solo per I pochi privilegiati, ma per ciascuno di noi.”

 

I Tory più moderati hanno paura che gli attivisti del partito, a cui sarà data la decisione finale su chi sarà il prossimo leader dei conservatori e primo ministro del paese, preferiranno la “schietta” Leadsom al posto di May, che è considerata una candidata “sicura” dopo la sua lunga carriera nel Home Office.

 

 

 

 

Categories: Attualità