vitamina-b-41772363

VITAMINE IDROSOLUBILI segue:

VITAMINA B3

La Vit. B3 o Niacina, conosciuta anche come Vit. PP da Pellagra Preventis, per la sua azione contro la pellagra, malattia molto diffusa fino agli inizi del XX secolo, causata dalla sua carenza. E’ fra le vitamine più stabili, infatti non teme la luce, il calore e l’ossigeno

.La vitamina B3è necessaria per il metabolismo dei carboidrati, proteine e grassi; ha un’azione energizzante; previene l’insorgenza delle malattie cardiovascolari; aiuta a ridurre i livelli di colesterolo; regola la produzione degli ormoni sessuali; contrasta la cecità notturna; potenzia la memoria; è importante per il buon funzionamento del tratto gastro-intestinale e per la salute della pelle; aiuta a combattere lo stress e gli stati d’ansia in associazione con la Vit. B5.

Si trova in numerosi alimenti come: arachidi, carni (specie nel tacchino e nel vitello), fegato di manzo, cereali integrali, lievito di birra, uova, latte, formaggi, pesce, soprattutto nelle acciughe, sarde e sardine, salmone, spada e tonno.

Una  carenza di Vit B3, o il mancato assorbimento di questa vitamina, provoca debolezza muscolare, stanchezza, inappetenza, nausea, vomito, diarrea, alitosi, cefalea, dermatite, secchezza della pelle e dei capelli.

Una grave carenza provoca la pellagra, malattia oramai rara nei paesi occidentali, caratterizzata da  un quadro clinico detto “delle tre D”: demenza, dermatite e diarrea; lo stesso quadro può facilmente evolvere in  quadro definito “delle quattro D” (demenza, dermatite, diarrea e decesso).

 I sintomi della pellagra sono desquamazione della pelle delle mani e del collo, eritema, eruzioni bollose, diarrea, perdita di appetito e di peso, lingua arrossata e gonfia, disturbi psichici.

Nel caso di sovradosaggio la vitamina B3 può essere tossica, come del resto qualsiasi altra Vitamina o alimento o farmaco assunti in eccesso. I sintomi che si possono verificare sono: vampate di calore, arrossamenti cutanei, prurito, dolore epigastrico, mal di testa, nausea, diarrea.

Patrizia Castellacci

 

 

 

Tags: