La B.I.T. 2011 è cominciata bene e ha confermato, nei quattro giorni di esposizione, una vitalità a cui non eravamo più abituati.
Non è stata la solita esibizione di splendidi padiglioni e i consueti discorsi nei quali ogni oratore fa gara con gli altri per dimostrare che lui è il più bravo e che la colpa è sempre altrui. Qui, seguendo l’esempio dato dal Ministro del Turismo, tutti gli intervenuti hanno centrato i problemi che hanno portato all’ingiustificata debacle turistica che in pochi lustri ha fatto perdere tante posizioni alla nostra più importante industria. Sì, perché il turismo è la nostra maggiore industria e solo degli sciagurati potevano averle fatto mancare una guida al livello del Governo! Giusto e necessario il decentramento, perché il turismo è un mosaico di tanti piccoli pezzi, ma pure un mosaico necessita del collante per tenere unite anche le più splendide tessere. Abbiamo sentito per anni i soliti lai per tentare di giustificare il calo delle presenze, quando era palese e notorio che ormai, anche in periodo di crisi economica, al periodo di vacanze non si rinuncia. Sono mancate le idee per invogliare il turista, italiano e estero, a scegliere l’Italia. Il Sindaco di Milano, in periodo di congiuntura, ha dimostrato che la sua Provincia ha avuto un incremento, lo scorso anno, del 7% e un aumento delle strutture ricettive del 6,5% (50% dei B&B in più). Il Ministro del Turismo ha spronato gli Enti preposti a mettere in cantiere nuove idee che attirino i turisti esteri a venire in Italia e convincere gli italiani a scegliere la nostra terra per le loro vacanze. Unico punto a nostro parere rimasto in forse è l’istituzione o meno della tassa di soggiorno, che a nostro modesto parere, sarebbe accettabile solo se fosse devoluta, senza alcuna possibilità di revoca, a migliorare lo stato dei tanti Musei e Monumenti che rendono la nostra Italia un ineguagliabile e autentico scrigno di tesori naturali e lasciatici dai nostri antichi e recenti progenitori.

Umberto, Luciana e Roberto Granati
Redazione.edivega@libero.it Takinokan@alice.it
Tel. 045/5700039 – Fax. 045/8103648