Giovanna Ruo Berchera
 
E SE LA FESTA FOSSE DI FRUTTA E VERDURA? 
Martedì 20 dicembre Golosaria mette in scena  un pranzo di Natale alternativo

 Da anni diciamo  che i menu delle feste sono anacronistici. Da anni denunciamo il disagio di chi deve sorbirsi il rito della quantità ostentata a tavola, che apparteneva ai Natali del Dopoguerra, ma non certo a quelli di una società ipernutrita come quella di oggi. E difatti, a suffragare che qualcosa sta cambiando, è il dato di sempre più frutta e verdura sulle tavole degli italiani. E’ emerso da un’analisi di Coldiretti presentata a Rimini in occasione del Macfrut, la rassegna internazionale dell’ortofrutta che, sulla base dei dati Istat relativi al primo semestre del 2016, ha evidenziato una crescita del comparto del +2%, con consumi pro capite che hanno raggiunto il massimo dell’ultimo quadriennio e che, entro la fine dell’anno, sfioreranno i 320 chili a testa. Un risultato che ha portato la spesa per l’ortofrutta a superare quella per la carne, diventando la prima voce del budget alimentare delle famiglie e dando avvio a una vera e propria rivoluzione, dovuta anche – e principalmente – a un netto cambiamento nello stile di vita, sempre più orientato verso cibi genuini, green e stagionali

 Ma come ha reagito il mondo della ristorazione a questo cambiamento epocale? A dare una prima risposta sono Paolo Massobrio e Marco Gatti, che nell’introduzione del “GattiMassobrio, taccuino dei ristoranti d’Italia” (Comunica Edizioni) lamentano l’incapacità di molti locali “di offrire frutta e verdura di stagione o lavorare con qualcosa che non sia la solita misticanza consegnata dal camioncino in busta”, mentre il mondo di Golosaria, da anni sensibile al tema, torna in campo con una provocazione: se anche le Feste fossero di frutta e verdura? 

 Questo lo spunto con cui martedì 20 dicembre, dalle 18.00 alle 21.30, nello show-room milanese di Arclinea (c.so Monforte, 28) sarà declinata l’idea di utilizzare frutta e ortaggi come base per un pranzo di Natale alternativo. All’evento parteciperà Pietro Leemann, chef del ristorante Joia – Alta Cucina Naturale di Milano, che realizzerà dal vivo una ricetta sul tema, mentre il giornalista Paolo Massobrio e la maestra di cucina Giovanna Ruo Berchera dialogheranno ai fornelli per presentare i primi due volumi della collana I libri del Golosario (Cairo Editore), “Avanzi d’autore” e “Cucinare i sapori d’Italia”, con gli interventi della nutrizionista Silvia Santinato e del presidente di Aop Uno Lombardia Ambrogio De Ponti

 
L’evento sarà occasione per testare dal vivo i finger dell’orto di Rose by Mary, il nuovo format di cucina naturale lanciato da Maria Marinoni a Milano, e il panettone vegano della pasticceria Corsini di Castel del Piano (Grosseto), che saranno accompagnati da una selezione di bollicine dolci, con l’Asti spumante, e secche, con gli spumanti dell’Oltrepò   pavese, per un brindisi in vista delle Feste. 
 
Tags:
Categories: Comunicati stampa