Fondazione Donna a Milano Onlus ha dato vita al progetto “Salute in Cultura” con lo scopo di fornire utile e qualificata informazione in tema di salute, invitando donne e uomini a Eventi culturali, preceduti dal breve intervento di un esperto del tema trattato, con l’obiettivo di fondo di sensibilizzare e diffondere esponenzialmente queste importanti tematiche, nella gradevole ed emozionale cornice di uno spettacolo dal vivo.
Tale idea ha trovato consenso, sia presso l’assessorato al Welfare di Regione Lombardia sia presso l’Assessorato alle Politiche sociali, Salute e Diritti del Comune di Milano, e ha ottenuto la collaborazione di Compagnia Stabile di Milano, che si occuperà del progetto artistico dell’iniziativa, offrendo tre diversi spettacoli teatrali durante il 2017.
Il primo evento di Salute in Cultura, coinciderà con la giornata di chiusura di HPV WEEK.
Presso l’Auditorium Testori di Regione Lombardia, l’Assessore Giulio Gallera e la Presidente di Fondazione Donna a Milano Onlus, Maria Rita Gismondo ricorderanno brevemente l’aspetto sociale e sanitario della prevenzione del cancro della cervice uterina e inviteranno gli intervenuti ad assistere allo spettacolo teatrale “Un personaggio, L’uomo dal fiore in bocca, in cerca d’autore”. L’evento è realizzato anche grazie al contributo di Roche Italia.
Compagnia Stabile di Milano partecipa al progetto, puntando su ciò che lo spettacolo prima di tutto deve essere, ovvero: emozione. La prima opera di questa trilogia è “Un personaggio, L’uomo dal fiore in bocca, in cerca d’autore”.
Con questa operazione si intende affrontare il grande tema pirandelliano che è il contrasto tra la vera forma dell’esistenza e la fantasia creatrice dello scrittore che vuole dominarla.
Il contrasto fra Pirandello e i suoi personaggi nasce dalla volontà dello scrittore di mettere a nudo la loro anima, di capirne l’intima composizione per metterne in mostra la loro vera forma che si concretizzerà una volta per tutte nell’arte.
Ed è contro questo atteggiamento dell’artista che i personaggi tendono a ribellarsi per impedire la spietata analisi che inevitabilmente ne metterà a nudo miserie e grandezze, ma anche per essere descritti così come essi si sentono e sono veramente dentro.
Insomma il tema centrale di Pirandello, ovvero quel grande, sottilissimo diaframma che esiste tra la vita e l’arte e che separa realtà e finzione.
L’uomo non ha della vita un’idea, una nozione assoluta, bensì un sentimento mutabile e vario, secondo i tempi, i casi, la fortuna. Ora la logica, astraendo dai sentimenti le idee, tende appunto a fissare quel che è mobile, mutabile, fluido; tende a dare un valore assoluto a ciò che è relativo e aggrava un male già grave per se stesso. Perché la prima radice del nostro male è appunto in questo sentimento che noi abbiamo della vita.
Un personaggio L’UOMO DAL FIORE IN BOCCA in cerca d’autore è un’operazione drammaturgica sulla materia pirandelliana , che si compone dell’atto unico “L’uomo dal fiore in bocca” e un Prologo con estratti dalle principali sue opere del cosiddetto periodo “metateatrale”.
Il personaggio protagonista de “L’uomo dal fiore in bocca” si manifesta metafisicamente all’autore, reclamando di poter raccontare e far vivere l’autenticità del suo male e della sua storia.
Lo spettacolo si avvale anche della presenza di un musicista, una terza voce a cui è affidato il compito di evocare e riempire lo spazio metafisico creato dallo sfondamento del diaframma tra finzione e realtà.
Istituita nel 2005 su iniziativa della Prof.ssa Maria Rita Gismondo, con il prezioso contributo di un gruppo di persone straordinarie, si pone come obiettivo comune la valorizzazione del ruolo familiare e sociale della donna, intesa come motore primo d’informazione, innovazione e, in particolare, di gestione della salute.
Attraverso le numerose attività che caratterizzano il calendario annuale della Fondazione, i volontari – coadiuvati da personale specializzato di istituzioni, associazioni e sponsor – ascoltano e informano le donne sui diversi temi socio-culturali legati alla prevenzione sanitaria. Le due principali tematiche agite dalla Fondazione sono: PREVENZIONE SALUTE e ASCOLTO SUL TERRITORIO.
L’ingresso è gratuito con offerta libera. Per informazioni scrivere a info@fdmonlus.it.