Ciò che colpisce vivendo in Spagna anche solo come turisti, è il sentimento di unione, nella diversità dei gruppi linguistici. E anche nell’ambito di uno sviluppo economico diverso. Le usanze si ritrovano spesso in qualunque zona, tutti sono fieri di un prodotto tipico della loro agricoltura o dell’allevamento come per esempio il famoso prosciutto ‘jamòn’. All’estero, anche solo nelle visite turistiche, ogni spagnolo fa gruppo con l’altro e si ‘ritrovano’, ogni spagnolo cerca l’altro spagnolo per studiare, per confrontarsi. Questo confronto affonda le sue radici nel passato, quando sempre il dialogo ha preso il sopravvento nella lotta contro gli Invasori, ha permesso la vittoria nelle guerre, ha permesso l’adesione alla comune fede cattolica.

La Catalogna è sempre stata più ricca, in posizione favorevole sul Mediterraneo, ma questo desiderio di indipendenza si è fatto strada maggiormente adesso, è una manifestazione lampante degli impulsi caratteriali dei catalani che, più degli altri spagnoli, vogliono affermarsi, presto e bene, non aspettare più. La Frangia d’Aragona ( regione dell’Aragona confinante con la Catalogna) parla una lingua simile al catalano, ugualmente e più marcatamente, la Comunità Valenzana, situata a sud della Catalogna.

Le Comunità linguistiche, tutte di origine latina, presenti in Spagna sono: catalani, galiziani e castigliani. Questi ultimi hanno prevalso sugli altri e tutti si sono riconosciuti nel castigliano. Dopo la lotta contro gli arabi, questa lingua, l’espanol , è stata esportata anche nelle colonie. Ma le varie Comunità linguistiche sono rimaste legate ai loro idiomi, che risentono della vicinanza di altre nazioni: i catalani sentono l’influenza della Francia, i Galiziani, residenti a nord-ovest della Spagna sentono l’influenza del Portogallo. Invece i Baschi che abitano nel nord-est parlano una lingua preesistente alla venuta dei Romani, euskera o vasco, tutta originale.

La Spagna è compatta, lo spirito ‘solidaristico’ dei suoi abitanti è una manifestazione della sua forma geografica estesa, ma senza vere e proprie zone periferiche, con la capitale Madrid, al centro.

 

Gabriella Capone