< 2018 >
Maggio
Lun
Mar
Mer
Gio
Ven
Sab
Dom
aprile
1
2
3
4
5
6
7
8
  • La Poesia della Natura
    17:00 -20:00
    2018.05.08-2018.05.18

    Mostra fotografica di
    Bill Hornaday

    Bill Hornaday, fotografo di professione, poeta di animo, sin dai tempi del College, ha trascorso molti anni a fotografare la bellezza della natura contraddistinguendosi per un”inedita visione della stessa. Con la lente della sua camera riesce a bucare l”anima degli elementi che ritrae, facendone così l”archetipo di una nuova idea della fotografia. Concentrando i suoi sforzi sulla ricerca della bellezza nei piccoli dettagli, che si tratti di pietre, fiori, alberi, acque, stagni o oceani, Bill trova sempre la poeticità e la composizione astratta nella natura di cui raramente ci accorgiamo. Ci mostra la bellezza intrinseca in quei dettagli nascosti che solo un occhio attento e sensibile riesce a cogliere e, attraverso la lente della sua sensibilità e del suo grande amore per la natura, riesce a cogliere, con la luce riflessa nei dettagli, la natura in una bellezza inaspettata e emozionante. Dai suoi scatti emerge la poesia silenziosa degli stagni, la sensualità dei fiori, la maestosità gentile delle rocce…un equilibrio perfetto tra sogno, poesia e pittura astratta contemporanea.
    In un momento in cui rispetto e amore per la natura sono spesso dimenticati dall”uomo a favore di profitti ciechi e biechi, Bill ci invita a guardare l”universo con occhio diverso, ad accorgerci di ciò che ci circonda e a gioire della poesia che è insita in ogni forma dell”esistere.
    L’artista americano, Bill Hornaday, arriva alla Mediateca di Milano con una sua Solo Photographic Exhibition, che ripercorre i viaggi della sua visione poetica della natura.

    Nato a Los Angeles, laureato in UCLA, Bill ha dedicato gran parte della sua attività fotografica della natura negli Stati Uniti, ma negli ultimi quattro anni ha passato molto tempo anche in Italia, nel Sud Tirolo, dove risiede parte dell”anno. È stato il fotografo designato per il noto IMS, International Mountain Summit, tenutosi a Bressanone nel 2015.
    Bill ha esposto le sue immagini fotografiche in Italia e in vari Stati in America.

    Mediateca Santa Teresa, via della Moscova, 28- Milano
    Per Informazioni: tel. 02 366159
    e-mail: b-brai.mediabrera.info@beniculturali.it
    www. mediabrera.it

9
  • La Poesia della Natura
    17:00 -20:00
    2018.05.09-2018.05.18

    Mostra fotografica di
    Bill Hornaday

    Bill Hornaday, fotografo di professione, poeta di animo, sin dai tempi del College, ha trascorso molti anni a fotografare la bellezza della natura contraddistinguendosi per un”inedita visione della stessa. Con la lente della sua camera riesce a bucare l”anima degli elementi che ritrae, facendone così l”archetipo di una nuova idea della fotografia. Concentrando i suoi sforzi sulla ricerca della bellezza nei piccoli dettagli, che si tratti di pietre, fiori, alberi, acque, stagni o oceani, Bill trova sempre la poeticità e la composizione astratta nella natura di cui raramente ci accorgiamo. Ci mostra la bellezza intrinseca in quei dettagli nascosti che solo un occhio attento e sensibile riesce a cogliere e, attraverso la lente della sua sensibilità e del suo grande amore per la natura, riesce a cogliere, con la luce riflessa nei dettagli, la natura in una bellezza inaspettata e emozionante. Dai suoi scatti emerge la poesia silenziosa degli stagni, la sensualità dei fiori, la maestosità gentile delle rocce…un equilibrio perfetto tra sogno, poesia e pittura astratta contemporanea.
    In un momento in cui rispetto e amore per la natura sono spesso dimenticati dall”uomo a favore di profitti ciechi e biechi, Bill ci invita a guardare l”universo con occhio diverso, ad accorgerci di ciò che ci circonda e a gioire della poesia che è insita in ogni forma dell”esistere.
    L’artista americano, Bill Hornaday, arriva alla Mediateca di Milano con una sua Solo Photographic Exhibition, che ripercorre i viaggi della sua visione poetica della natura.

    Nato a Los Angeles, laureato in UCLA, Bill ha dedicato gran parte della sua attività fotografica della natura negli Stati Uniti, ma negli ultimi quattro anni ha passato molto tempo anche in Italia, nel Sud Tirolo, dove risiede parte dell”anno. È stato il fotografo designato per il noto IMS, International Mountain Summit, tenutosi a Bressanone nel 2015.
    Bill ha esposto le sue immagini fotografiche in Italia e in vari Stati in America.

    Mediateca Santa Teresa, via della Moscova, 28- Milano
    Per Informazioni: tel. 02 366159
    e-mail: b-brai.mediabrera.info@beniculturali.it
    www. mediabrera.it

10
  • La Poesia della Natura
    17:00 -20:00
    2018.05.10-2018.05.18

    Mostra fotografica di
    Bill Hornaday

    Bill Hornaday, fotografo di professione, poeta di animo, sin dai tempi del College, ha trascorso molti anni a fotografare la bellezza della natura contraddistinguendosi per un”inedita visione della stessa. Con la lente della sua camera riesce a bucare l”anima degli elementi che ritrae, facendone così l”archetipo di una nuova idea della fotografia. Concentrando i suoi sforzi sulla ricerca della bellezza nei piccoli dettagli, che si tratti di pietre, fiori, alberi, acque, stagni o oceani, Bill trova sempre la poeticità e la composizione astratta nella natura di cui raramente ci accorgiamo. Ci mostra la bellezza intrinseca in quei dettagli nascosti che solo un occhio attento e sensibile riesce a cogliere e, attraverso la lente della sua sensibilità e del suo grande amore per la natura, riesce a cogliere, con la luce riflessa nei dettagli, la natura in una bellezza inaspettata e emozionante. Dai suoi scatti emerge la poesia silenziosa degli stagni, la sensualità dei fiori, la maestosità gentile delle rocce…un equilibrio perfetto tra sogno, poesia e pittura astratta contemporanea.
    In un momento in cui rispetto e amore per la natura sono spesso dimenticati dall”uomo a favore di profitti ciechi e biechi, Bill ci invita a guardare l”universo con occhio diverso, ad accorgerci di ciò che ci circonda e a gioire della poesia che è insita in ogni forma dell”esistere.
    L’artista americano, Bill Hornaday, arriva alla Mediateca di Milano con una sua Solo Photographic Exhibition, che ripercorre i viaggi della sua visione poetica della natura.

    Nato a Los Angeles, laureato in UCLA, Bill ha dedicato gran parte della sua attività fotografica della natura negli Stati Uniti, ma negli ultimi quattro anni ha passato molto tempo anche in Italia, nel Sud Tirolo, dove risiede parte dell”anno. È stato il fotografo designato per il noto IMS, International Mountain Summit, tenutosi a Bressanone nel 2015.
    Bill ha esposto le sue immagini fotografiche in Italia e in vari Stati in America.

    Mediateca Santa Teresa, via della Moscova, 28- Milano
    Per Informazioni: tel. 02 366159
    e-mail: b-brai.mediabrera.info@beniculturali.it
    www. mediabrera.it

  • Alberto Savinio – La cité des promesses
    17:30 -20:00
    2018.05.10

    con
    Paola Italia, Università degli studi di Bologna
    Ruggero Savinio, pittore
    Simone Previdi, attore

    A cura di
    James Bradburne, Cecilia Ghibaudi, Mariella Goffredo, Giorgio Panizza, Maria Cristina Passoni, Giulia Raboni.
    Con la collaborazione del
    Dipartimento di Musicologia e Beni culturali dell’Università di Pavia (sede di Cremona), dell’Accademia dei Filodrammatici e degli Amici di Brera e dei musei milanesi

    Ingresso libero fino ad esaurimento posti

11
  • La Poesia della Natura
    17:00 -20:00
    2018.05.11-2018.05.18

    Mostra fotografica di
    Bill Hornaday

    Bill Hornaday, fotografo di professione, poeta di animo, sin dai tempi del College, ha trascorso molti anni a fotografare la bellezza della natura contraddistinguendosi per un”inedita visione della stessa. Con la lente della sua camera riesce a bucare l”anima degli elementi che ritrae, facendone così l”archetipo di una nuova idea della fotografia. Concentrando i suoi sforzi sulla ricerca della bellezza nei piccoli dettagli, che si tratti di pietre, fiori, alberi, acque, stagni o oceani, Bill trova sempre la poeticità e la composizione astratta nella natura di cui raramente ci accorgiamo. Ci mostra la bellezza intrinseca in quei dettagli nascosti che solo un occhio attento e sensibile riesce a cogliere e, attraverso la lente della sua sensibilità e del suo grande amore per la natura, riesce a cogliere, con la luce riflessa nei dettagli, la natura in una bellezza inaspettata e emozionante. Dai suoi scatti emerge la poesia silenziosa degli stagni, la sensualità dei fiori, la maestosità gentile delle rocce…un equilibrio perfetto tra sogno, poesia e pittura astratta contemporanea.
    In un momento in cui rispetto e amore per la natura sono spesso dimenticati dall”uomo a favore di profitti ciechi e biechi, Bill ci invita a guardare l”universo con occhio diverso, ad accorgerci di ciò che ci circonda e a gioire della poesia che è insita in ogni forma dell”esistere.
    L’artista americano, Bill Hornaday, arriva alla Mediateca di Milano con una sua Solo Photographic Exhibition, che ripercorre i viaggi della sua visione poetica della natura.

    Nato a Los Angeles, laureato in UCLA, Bill ha dedicato gran parte della sua attività fotografica della natura negli Stati Uniti, ma negli ultimi quattro anni ha passato molto tempo anche in Italia, nel Sud Tirolo, dove risiede parte dell”anno. È stato il fotografo designato per il noto IMS, International Mountain Summit, tenutosi a Bressanone nel 2015.
    Bill ha esposto le sue immagini fotografiche in Italia e in vari Stati in America.

    Mediateca Santa Teresa, via della Moscova, 28- Milano
    Per Informazioni: tel. 02 366159
    e-mail: b-brai.mediabrera.info@beniculturali.it
    www. mediabrera.it

12
  • La Poesia della Natura
    17:00 -20:00
    2018.05.12-2018.05.18

    Mostra fotografica di
    Bill Hornaday

    Bill Hornaday, fotografo di professione, poeta di animo, sin dai tempi del College, ha trascorso molti anni a fotografare la bellezza della natura contraddistinguendosi per un”inedita visione della stessa. Con la lente della sua camera riesce a bucare l”anima degli elementi che ritrae, facendone così l”archetipo di una nuova idea della fotografia. Concentrando i suoi sforzi sulla ricerca della bellezza nei piccoli dettagli, che si tratti di pietre, fiori, alberi, acque, stagni o oceani, Bill trova sempre la poeticità e la composizione astratta nella natura di cui raramente ci accorgiamo. Ci mostra la bellezza intrinseca in quei dettagli nascosti che solo un occhio attento e sensibile riesce a cogliere e, attraverso la lente della sua sensibilità e del suo grande amore per la natura, riesce a cogliere, con la luce riflessa nei dettagli, la natura in una bellezza inaspettata e emozionante. Dai suoi scatti emerge la poesia silenziosa degli stagni, la sensualità dei fiori, la maestosità gentile delle rocce…un equilibrio perfetto tra sogno, poesia e pittura astratta contemporanea.
    In un momento in cui rispetto e amore per la natura sono spesso dimenticati dall”uomo a favore di profitti ciechi e biechi, Bill ci invita a guardare l”universo con occhio diverso, ad accorgerci di ciò che ci circonda e a gioire della poesia che è insita in ogni forma dell”esistere.
    L’artista americano, Bill Hornaday, arriva alla Mediateca di Milano con una sua Solo Photographic Exhibition, che ripercorre i viaggi della sua visione poetica della natura.

    Nato a Los Angeles, laureato in UCLA, Bill ha dedicato gran parte della sua attività fotografica della natura negli Stati Uniti, ma negli ultimi quattro anni ha passato molto tempo anche in Italia, nel Sud Tirolo, dove risiede parte dell”anno. È stato il fotografo designato per il noto IMS, International Mountain Summit, tenutosi a Bressanone nel 2015.
    Bill ha esposto le sue immagini fotografiche in Italia e in vari Stati in America.

    Mediateca Santa Teresa, via della Moscova, 28- Milano
    Per Informazioni: tel. 02 366159
    e-mail: b-brai.mediabrera.info@beniculturali.it
    www. mediabrera.it

13
  • La Poesia della Natura
    17:00 -20:00
    2018.05.13-2018.05.18

    Mostra fotografica di
    Bill Hornaday

    Bill Hornaday, fotografo di professione, poeta di animo, sin dai tempi del College, ha trascorso molti anni a fotografare la bellezza della natura contraddistinguendosi per un”inedita visione della stessa. Con la lente della sua camera riesce a bucare l”anima degli elementi che ritrae, facendone così l”archetipo di una nuova idea della fotografia. Concentrando i suoi sforzi sulla ricerca della bellezza nei piccoli dettagli, che si tratti di pietre, fiori, alberi, acque, stagni o oceani, Bill trova sempre la poeticità e la composizione astratta nella natura di cui raramente ci accorgiamo. Ci mostra la bellezza intrinseca in quei dettagli nascosti che solo un occhio attento e sensibile riesce a cogliere e, attraverso la lente della sua sensibilità e del suo grande amore per la natura, riesce a cogliere, con la luce riflessa nei dettagli, la natura in una bellezza inaspettata e emozionante. Dai suoi scatti emerge la poesia silenziosa degli stagni, la sensualità dei fiori, la maestosità gentile delle rocce…un equilibrio perfetto tra sogno, poesia e pittura astratta contemporanea.
    In un momento in cui rispetto e amore per la natura sono spesso dimenticati dall”uomo a favore di profitti ciechi e biechi, Bill ci invita a guardare l”universo con occhio diverso, ad accorgerci di ciò che ci circonda e a gioire della poesia che è insita in ogni forma dell”esistere.
    L’artista americano, Bill Hornaday, arriva alla Mediateca di Milano con una sua Solo Photographic Exhibition, che ripercorre i viaggi della sua visione poetica della natura.

    Nato a Los Angeles, laureato in UCLA, Bill ha dedicato gran parte della sua attività fotografica della natura negli Stati Uniti, ma negli ultimi quattro anni ha passato molto tempo anche in Italia, nel Sud Tirolo, dove risiede parte dell”anno. È stato il fotografo designato per il noto IMS, International Mountain Summit, tenutosi a Bressanone nel 2015.
    Bill ha esposto le sue immagini fotografiche in Italia e in vari Stati in America.

    Mediateca Santa Teresa, via della Moscova, 28- Milano
    Per Informazioni: tel. 02 366159
    e-mail: b-brai.mediabrera.info@beniculturali.it
    www. mediabrera.it

14
  • La Poesia della Natura
    17:00 -20:00
    2018.05.14-2018.05.18

    Mostra fotografica di
    Bill Hornaday

    Bill Hornaday, fotografo di professione, poeta di animo, sin dai tempi del College, ha trascorso molti anni a fotografare la bellezza della natura contraddistinguendosi per un”inedita visione della stessa. Con la lente della sua camera riesce a bucare l”anima degli elementi che ritrae, facendone così l”archetipo di una nuova idea della fotografia. Concentrando i suoi sforzi sulla ricerca della bellezza nei piccoli dettagli, che si tratti di pietre, fiori, alberi, acque, stagni o oceani, Bill trova sempre la poeticità e la composizione astratta nella natura di cui raramente ci accorgiamo. Ci mostra la bellezza intrinseca in quei dettagli nascosti che solo un occhio attento e sensibile riesce a cogliere e, attraverso la lente della sua sensibilità e del suo grande amore per la natura, riesce a cogliere, con la luce riflessa nei dettagli, la natura in una bellezza inaspettata e emozionante. Dai suoi scatti emerge la poesia silenziosa degli stagni, la sensualità dei fiori, la maestosità gentile delle rocce…un equilibrio perfetto tra sogno, poesia e pittura astratta contemporanea.
    In un momento in cui rispetto e amore per la natura sono spesso dimenticati dall”uomo a favore di profitti ciechi e biechi, Bill ci invita a guardare l”universo con occhio diverso, ad accorgerci di ciò che ci circonda e a gioire della poesia che è insita in ogni forma dell”esistere.
    L’artista americano, Bill Hornaday, arriva alla Mediateca di Milano con una sua Solo Photographic Exhibition, che ripercorre i viaggi della sua visione poetica della natura.

    Nato a Los Angeles, laureato in UCLA, Bill ha dedicato gran parte della sua attività fotografica della natura negli Stati Uniti, ma negli ultimi quattro anni ha passato molto tempo anche in Italia, nel Sud Tirolo, dove risiede parte dell”anno. È stato il fotografo designato per il noto IMS, International Mountain Summit, tenutosi a Bressanone nel 2015.
    Bill ha esposto le sue immagini fotografiche in Italia e in vari Stati in America.

    Mediateca Santa Teresa, via della Moscova, 28- Milano
    Per Informazioni: tel. 02 366159
    e-mail: b-brai.mediabrera.info@beniculturali.it
    www. mediabrera.it

15
  • La Poesia della Natura
    17:00 -20:00
    2018.05.15-2018.05.18

    Mostra fotografica di
    Bill Hornaday

    Bill Hornaday, fotografo di professione, poeta di animo, sin dai tempi del College, ha trascorso molti anni a fotografare la bellezza della natura contraddistinguendosi per un”inedita visione della stessa. Con la lente della sua camera riesce a bucare l”anima degli elementi che ritrae, facendone così l”archetipo di una nuova idea della fotografia. Concentrando i suoi sforzi sulla ricerca della bellezza nei piccoli dettagli, che si tratti di pietre, fiori, alberi, acque, stagni o oceani, Bill trova sempre la poeticità e la composizione astratta nella natura di cui raramente ci accorgiamo. Ci mostra la bellezza intrinseca in quei dettagli nascosti che solo un occhio attento e sensibile riesce a cogliere e, attraverso la lente della sua sensibilità e del suo grande amore per la natura, riesce a cogliere, con la luce riflessa nei dettagli, la natura in una bellezza inaspettata e emozionante. Dai suoi scatti emerge la poesia silenziosa degli stagni, la sensualità dei fiori, la maestosità gentile delle rocce…un equilibrio perfetto tra sogno, poesia e pittura astratta contemporanea.
    In un momento in cui rispetto e amore per la natura sono spesso dimenticati dall”uomo a favore di profitti ciechi e biechi, Bill ci invita a guardare l”universo con occhio diverso, ad accorgerci di ciò che ci circonda e a gioire della poesia che è insita in ogni forma dell”esistere.
    L’artista americano, Bill Hornaday, arriva alla Mediateca di Milano con una sua Solo Photographic Exhibition, che ripercorre i viaggi della sua visione poetica della natura.

    Nato a Los Angeles, laureato in UCLA, Bill ha dedicato gran parte della sua attività fotografica della natura negli Stati Uniti, ma negli ultimi quattro anni ha passato molto tempo anche in Italia, nel Sud Tirolo, dove risiede parte dell”anno. È stato il fotografo designato per il noto IMS, International Mountain Summit, tenutosi a Bressanone nel 2015.
    Bill ha esposto le sue immagini fotografiche in Italia e in vari Stati in America.

    Mediateca Santa Teresa, via della Moscova, 28- Milano
    Per Informazioni: tel. 02 366159
    e-mail: b-brai.mediabrera.info@beniculturali.it
    www. mediabrera.it

16
  • La Poesia della Natura
    17:00 -20:00
    2018.05.16-2018.05.18

    Mostra fotografica di
    Bill Hornaday

    Bill Hornaday, fotografo di professione, poeta di animo, sin dai tempi del College, ha trascorso molti anni a fotografare la bellezza della natura contraddistinguendosi per un”inedita visione della stessa. Con la lente della sua camera riesce a bucare l”anima degli elementi che ritrae, facendone così l”archetipo di una nuova idea della fotografia. Concentrando i suoi sforzi sulla ricerca della bellezza nei piccoli dettagli, che si tratti di pietre, fiori, alberi, acque, stagni o oceani, Bill trova sempre la poeticità e la composizione astratta nella natura di cui raramente ci accorgiamo. Ci mostra la bellezza intrinseca in quei dettagli nascosti che solo un occhio attento e sensibile riesce a cogliere e, attraverso la lente della sua sensibilità e del suo grande amore per la natura, riesce a cogliere, con la luce riflessa nei dettagli, la natura in una bellezza inaspettata e emozionante. Dai suoi scatti emerge la poesia silenziosa degli stagni, la sensualità dei fiori, la maestosità gentile delle rocce…un equilibrio perfetto tra sogno, poesia e pittura astratta contemporanea.
    In un momento in cui rispetto e amore per la natura sono spesso dimenticati dall”uomo a favore di profitti ciechi e biechi, Bill ci invita a guardare l”universo con occhio diverso, ad accorgerci di ciò che ci circonda e a gioire della poesia che è insita in ogni forma dell”esistere.
    L’artista americano, Bill Hornaday, arriva alla Mediateca di Milano con una sua Solo Photographic Exhibition, che ripercorre i viaggi della sua visione poetica della natura.

    Nato a Los Angeles, laureato in UCLA, Bill ha dedicato gran parte della sua attività fotografica della natura negli Stati Uniti, ma negli ultimi quattro anni ha passato molto tempo anche in Italia, nel Sud Tirolo, dove risiede parte dell”anno. È stato il fotografo designato per il noto IMS, International Mountain Summit, tenutosi a Bressanone nel 2015.
    Bill ha esposto le sue immagini fotografiche in Italia e in vari Stati in America.

    Mediateca Santa Teresa, via della Moscova, 28- Milano
    Per Informazioni: tel. 02 366159
    e-mail: b-brai.mediabrera.info@beniculturali.it
    www. mediabrera.it

17
  • La Poesia della Natura
    17:00 -20:00
    2018.05.17-2018.05.18

    Mostra fotografica di
    Bill Hornaday

    Bill Hornaday, fotografo di professione, poeta di animo, sin dai tempi del College, ha trascorso molti anni a fotografare la bellezza della natura contraddistinguendosi per un”inedita visione della stessa. Con la lente della sua camera riesce a bucare l”anima degli elementi che ritrae, facendone così l”archetipo di una nuova idea della fotografia. Concentrando i suoi sforzi sulla ricerca della bellezza nei piccoli dettagli, che si tratti di pietre, fiori, alberi, acque, stagni o oceani, Bill trova sempre la poeticità e la composizione astratta nella natura di cui raramente ci accorgiamo. Ci mostra la bellezza intrinseca in quei dettagli nascosti che solo un occhio attento e sensibile riesce a cogliere e, attraverso la lente della sua sensibilità e del suo grande amore per la natura, riesce a cogliere, con la luce riflessa nei dettagli, la natura in una bellezza inaspettata e emozionante. Dai suoi scatti emerge la poesia silenziosa degli stagni, la sensualità dei fiori, la maestosità gentile delle rocce…un equilibrio perfetto tra sogno, poesia e pittura astratta contemporanea.
    In un momento in cui rispetto e amore per la natura sono spesso dimenticati dall”uomo a favore di profitti ciechi e biechi, Bill ci invita a guardare l”universo con occhio diverso, ad accorgerci di ciò che ci circonda e a gioire della poesia che è insita in ogni forma dell”esistere.
    L’artista americano, Bill Hornaday, arriva alla Mediateca di Milano con una sua Solo Photographic Exhibition, che ripercorre i viaggi della sua visione poetica della natura.

    Nato a Los Angeles, laureato in UCLA, Bill ha dedicato gran parte della sua attività fotografica della natura negli Stati Uniti, ma negli ultimi quattro anni ha passato molto tempo anche in Italia, nel Sud Tirolo, dove risiede parte dell”anno. È stato il fotografo designato per il noto IMS, International Mountain Summit, tenutosi a Bressanone nel 2015.
    Bill ha esposto le sue immagini fotografiche in Italia e in vari Stati in America.

    Mediateca Santa Teresa, via della Moscova, 28- Milano
    Per Informazioni: tel. 02 366159
    e-mail: b-brai.mediabrera.info@beniculturali.it
    www. mediabrera.it

18
  • La Poesia della Natura
    17:00 -20:00
    2018.05.18-2018.05.18

    Mostra fotografica di
    Bill Hornaday

    Bill Hornaday, fotografo di professione, poeta di animo, sin dai tempi del College, ha trascorso molti anni a fotografare la bellezza della natura contraddistinguendosi per un”inedita visione della stessa. Con la lente della sua camera riesce a bucare l”anima degli elementi che ritrae, facendone così l”archetipo di una nuova idea della fotografia. Concentrando i suoi sforzi sulla ricerca della bellezza nei piccoli dettagli, che si tratti di pietre, fiori, alberi, acque, stagni o oceani, Bill trova sempre la poeticità e la composizione astratta nella natura di cui raramente ci accorgiamo. Ci mostra la bellezza intrinseca in quei dettagli nascosti che solo un occhio attento e sensibile riesce a cogliere e, attraverso la lente della sua sensibilità e del suo grande amore per la natura, riesce a cogliere, con la luce riflessa nei dettagli, la natura in una bellezza inaspettata e emozionante. Dai suoi scatti emerge la poesia silenziosa degli stagni, la sensualità dei fiori, la maestosità gentile delle rocce…un equilibrio perfetto tra sogno, poesia e pittura astratta contemporanea.
    In un momento in cui rispetto e amore per la natura sono spesso dimenticati dall”uomo a favore di profitti ciechi e biechi, Bill ci invita a guardare l”universo con occhio diverso, ad accorgerci di ciò che ci circonda e a gioire della poesia che è insita in ogni forma dell”esistere.
    L’artista americano, Bill Hornaday, arriva alla Mediateca di Milano con una sua Solo Photographic Exhibition, che ripercorre i viaggi della sua visione poetica della natura.

    Nato a Los Angeles, laureato in UCLA, Bill ha dedicato gran parte della sua attività fotografica della natura negli Stati Uniti, ma negli ultimi quattro anni ha passato molto tempo anche in Italia, nel Sud Tirolo, dove risiede parte dell”anno. È stato il fotografo designato per il noto IMS, International Mountain Summit, tenutosi a Bressanone nel 2015.
    Bill ha esposto le sue immagini fotografiche in Italia e in vari Stati in America.

    Mediateca Santa Teresa, via della Moscova, 28- Milano
    Per Informazioni: tel. 02 366159
    e-mail: b-brai.mediabrera.info@beniculturali.it
    www. mediabrera.it

19
  • Visita guidata: Conosci la Braidense?
    10:00 -20:00
    2018.05.19

  • Basta poco per sentirsi soli
    11:00 -13:00
    2018.05.19

    Introduce Gabriella D’Ina
    Interviene Giulia Tettamanti
    coordina Antonio Ria

    Finalmente ripubblicato, dopo una lunga assenza dalle librerie, Basta poco per sentirsi soli: è una raccolta di racconti, “veri e propri pezzi di bravura”, di Grazia Cherchi (1937-1995), intellettuale, consulente editoriale, giornalista, e inflessibile editor. Molto si è parlato, soprattutto in occasione del ventennale della morte, di questa grande protagonista della cultura dagli anni Sessanta agli anni Novanta, della sua figura di grande «integrità intellettuale» – scrive Benedetta Centovalli nella prefazione – e della «generosità spesa sui libri degli altri», meno invece delle sue qualità autoriali. Sono quelli di Basta poco per sentirsi soli, raccontini, come lei stessa li definì, relativi alla sua attività editoriale, ma anche squarci di quotidiana solitudine, percorsa sempre con il segno graffiante dell’ironia.
    Nella postfazione Giulia Tettamanti così presenta Grazia: “Una cronista letteraria attenta ai dimenticati e alle novità che non trovano spazio sulle prime pagine culturali”.
    Grazia Cherchi coltivò per anni, in quel suo modo un po’ schivo e un po’ rude, una grande amicizia con Lalla Romano, di cui apprezzava «la scrittura rovente, da altiforni». Per Lalla Romano Grazia Cherchi ha scritto un indimenticabile Tentativo di un ritratto e Lalla Romano ha scritto su Grazia due testi: Le margherite bianche (1995) e Severità romantica di Grazia Cherchi (1996).

    Ingresso libero fino a esaurimento posti
    Non si entra in Sala a incontro iniziato

    Per informazioni: antonioria@libero.it – cell. 348.5601217

    www.lallaromano.it

20
21
22
23
24
  • Fragole e sangue
    15:00 -16:43
    2018.05.24

    Regia: Stuart Hagmann
    Con: Bruce Davison, Kim Darby, Bud Cort, Murray MacLeod, Bob Balaban
    In un campus universitario di San Francisco scoppia la rivolta per la decisione di destinare un’area sportiva a campo di addestramento per future reclute da destinare in Vietnam. Simon, uno studente che guarda a questi eventi con distanza e distacco, se ne avvicinerà perché innamorato di Linda, un’attivista. Grazie a lei aprirà gli occhi e imparerà da che parte stare. Fragole e sangue, ispirato al libro omonimo di James Simon Kunen, è il film simbolo della contestazione giovanile statunitense.
    Durata: 103’

    Ingresso libero

25
26
27
28
29
30
  • Ariberto da Intimiano. Un vescovo committente tra Chiesa e Impero
    18:30 -20:00
    2018.05.30

    Ariberto da Intimiano è ancora oggi ricordato come uno dei grandi arcivescovi milanesi, la cui figura è quasi divenuta leggendaria. Il suo impegno pastorale e liturgico fu pari, oltre che strettamente connesso, a quello politico nelle vicende che legano l’Italia di quel tempo alla corte imperiale ottoniana e poi salica. Parallelamente all’impegno religioso e politico, Ariberto pose una particolare attenzione alla committenza di edifici, opere d”arte e manufatti di oreficeria. Ben note sono molte delle opere prodotte sotto il suo impulso, già dalla giovane età e poi nel corso di tutta la vita: i dipinti e poi il battistero di Galliano, le copertine preziose di libri liturgici, i crocifissi, i tessuti. Tutte opere commissionate seguendo probabilmente una peculiare propensione estetica, ma al tempo stesso strumenti fondamentali per l”ornamento della casa di Dio: un impegno connaturato all”esercizio sacerdotale, e come tale richiamato già da sant”Ambrogio nel De officiis.

    Ingresso libero
    Per informazioni: storica@tiscalinet.it – via Brera 28, 20121 Milano

31
  • Discutiamo, discutiamo e Il grande sogno
    15:00 -17:30
    2018.05.31

    Discutiamo, discutiamo

    (Italia 1969)
    Regia: Marco Bellocchio
    Con: Marco Bellocchio e un gruppo di studenti universitari
    Episodio del film collettivo Amore e rabbia. Il cortometraggio mette in scena – in una rappresentazione tra il reale e il satirico – un esempio di dialettica fra studenti rivoluzionari e docenti conservatori nel corso di una occupazione d’università.
    Durata: 24’

     

    Il grande sogno

    (Italia 2009)
    Regia: Michele Placido
    Con: Riccardo Scamarcio, Jasmine Trinca, Luca Argentero, Laura Morante, Massimo Popolizio, Silvio Orlando
    1967-1968: Nicola è un giovane poliziotto che studia recitazione, Laura è una ragazza di una famiglia cattolica che prende sempre più coscienza del clima politico del tempo, Libero è uno studente molto politicizzato e trascinatore. Attraverso l’intrecciarsi delle loro vicende personali assistiamo alla rievocazione di un’epoca, con le sue storie di studenti proletari e borghesi in lotta contra la società capitalista. Il film si ispira, in parte, ai ricordi personali del regista, a quel tempo studente di recitazione, ma anche giovane poliziotto partecipò agli scontri di Valle Giulia.[
    Durata: 101’

    Ingresso libero

giugno
giugno
giugno
Categories: Eventi